Il ritorno di una stella per lo chef Frédéric Bacquié a Saint-Cyprien

Il ritorno di una stella per lo chef Frédéric Bacquié a Saint-Cyprien
Il ritorno di una stella per lo chef Frédéric Bacquié a Saint-Cyprien
-

Lo chef Fréderic Bacquié è stato nuovamente premiato con una stella Michelin lo scorso marzo nelle cucine del ristorante Almandin di Saint Cyprien. Sfida raccolta per questo cuoco e la sua squadra che l’avevano persa due anni prima.

“Ci siamo persi questa targa”, confida con un grande sorriso Franck Laporte, direttore dell’hotel Île de la Lagune. Questa targa è quella della stella Michelin. Questo giovedì, 23 maggio, il direttore dell’hotel e lo chef stellato sono orgogliosi di rimetterla al suo posto, davanti allo stabilimento prima del servizio del pranzo.

Due anni fa, lo chef del ristorante Almandin, Frédéric Bacquié e le sue squadre hanno perso la testa. “Un vero colpo”evoca il direttore dello stabilimento.

Andare a riconquistare una stella nella guida Michelin è sinonimo di un’avventura umana. “La stella ha sempre brillato su Almandino. In trent’anni ci sono state alcune delusioni come due anni fa. Quindi abbiamo deciso di riprenderci dopo un lungo periodo di domande. Ho continuato a scommettere sullo chef Frédéric Bacquié, perché se perdiamo insieme… vinciamo insieme.”

Una scommessa vincente per l’albergatore che ricorda ancora il richiamo della guida rossa: “Eravamo all’aeroporto di Marrakech. Lo chef ha preso il telefono, mi ha fatto il segno del pollice in su per indicare che era buono… Esplosione di gioia, di sollievo, con lo chef abbiamo avuto un rapporto molto forte ma di grande rispetto… Ma ecco… ci siamo abbracciati e abbiamo avuto tantissime emozioni!”

Per ottenere la stella, gli chef si sono reinventati. La loro ricetta vincente: offrire ogni giorno un pasto diverso a seconda di quanto disponibile presso i produttori locali, mescolato con sapori locali di ispirazione mediterranea e catalana.

Quest’anno sentivo di avere una squadra capace di raccogliere questa sfida. Lei è reattiva e di qualità. Siamo stati bravi al momento giusto l’anno scorso quando sono arrivate le critiche.

Frederic Bacquié

Cuoco stellato

“La mia cucina si riflette in ciò che cucino: pesce e crostacei.“In effetti, lo chef ha sempre lavorato in ristoranti vicini all’acqua. A La Rochelle, da Grégory Coutanceau, ha imparato a conoscere le risorse dell’Oceano Atlantico e da anni è il Mediterraneo a ispirarlo. Un successo per lo chef di Ariège perché è a Collioure, nel 2009, che ha conquistato la sua prima stella.

Mancano pochi minuti e inizia il servizio del pranzo. Arrivano i primi clienti. Le porte della cucina si chiudono. Il leader dà il tono “Ho bisogno di concentrarmi.” Il suo viso si chiude. Prepara la triglia come cuore del suo piatto del giorno. Anche i suoi due sous-chef junior sono impegnati. Inizia il balletto dei camerieri e l’impiattamento.

Precisione, rigore, meticolosità e costruzione della placca… Nulla è lasciato al caso. “È un’opportunità poter lavorare con uno chef del genere, soprattutto sul pesce”, spiega Guillaume Astruc, recentemente entrato nel team come sous chef junior. Vengono serviti i primi ordini.

>>

Piatto del giorno offerto con prodotti locali del Paese catalano.

© Carla Bucero Lanzi / Francia 3 Occitanie

In sala degustiamo e assaporamo nel silenzio della cattedrale! Il palato dei clienti viene sedotto da questi piatti raffinati in una cornice eccezionale: l’Isola della Laguna. La stella riportò alcuni clienti, “volevamo testare questa nuova carta da quando abbiamo ottenuto questo premio.” Qualche tavolo più lontano, volevano i parigini in vacanza “avere un buon ristorante. Abbiamo trovato questo per caso. C’era un ultimo tavolo rimasto e abbiamo colto al volo l’occasione. È una bella scoperta.”

Lo chef e il suo team vogliono far brillare questa stella prima perché non cercarne di nuove. Hanno sempre un obiettivo in mente: far brillare i Pirenei orientali.




durata del video: 00h01mn50s

Dopo due anni di duro lavoro, lo chef Frédéric Bacquié e il suo team hanno riconquistato una stella nella guida Michelin.



©Televisori francesi

-

PREV Un artista condannato dalla giustizia francese per aver “parassitato” Tintin
NEXT Nella campagna con Julie Taton: “Un’intervista per buzz, che non mi interessa. Voglio imparare prima la politica andando sul campo”