“Palm Royale”: La tendenza anni Sessanta e colorata per l’estate 2024

“Palm Royale”: La tendenza anni Sessanta e colorata per l’estate 2024
“Palm Royale”: La tendenza anni Sessanta e colorata per l’estate 2024
-

Con l’avvicinarsi dell’estate, abbiamo voglia di cambiare scenario e di volare verso terre lontane, molto più esotiche delle nostre, come Palm Springs, Acapulco o Capri. E se, allo stesso tempo, cambiassimo epoca? Dove l’arte di vivere, uscita da una cartolina, era forse più distinta. Potremmo fermarci agli anni ’60 per vedere cosa stava succedendo in termini di moda. Lasciamoci quindi ispirare e sorprendere dalla nuova serie Palma Reale su Apple TV+ e il suo look retrò squisito e gioiosamente colorato. Il campo? Palm Beach, fine anni Sessanta, Maxine Simmons (Kristen Wiig) cerca di trovare un posto nell’alta società. La sua prima missione è entrare nel club privato Palm Royale e farsi così un nome e una reputazione. In un mondo fatto di apparenze, ogni occasione è buona per curare la propria presentazione e soprattutto per stupire con il proprio look. Da un pranzo chic a una partita di tennis, un cocktail a bordo piscina o un gala, è una sfilata di silhouette vintage caratteristiche dell’epoca d’oro dell’epoca.

Caftani stampati, abiti a trapezio a quadri, completi di gonne e completi, così come occhiali da sole e copricapi di ogni tipo sono senza dubbio i protagonisti della serie. Dopo lunghe ricerche, la costumista Alix Friedberg è riuscita a trovare i look dell’epoca di Bill Blass, Valentino, Pucci e Arnold Scaasi e ad usarli per vestire i personaggi. Solo il 40% degli outfit doveva essere realizzato nello stile di quegli anni.

Dalla piscina ai podi

La mania per questa tendenza nostalgica e raffinata si vede anche sulle passerelle di stagione. La voglia di rilassarsi su una sdraio a bordo piscina in buona compagnia è sempre un’attività estiva molto apprezzata! Tra i designer che seguono l’onda, ci sono sempre personaggi di spicco, come Pucci, Etro o Missoni, che hanno mantenuto un forte DNA ancorato a quest’epoca. Emilio Pucci e le sue stampe psichedeliche ispirate a Capri è colui che ha saputo vestire brillantemente il jet-set in un momento in cui il corpo aveva bisogno di spazio.

Altri nomi come Ulla Johnson o Giambattista Valli esplorano il look glamour attenuato. Il primo utilizza alcuni dettagli che ancorano il look agli anni Sessanta come le maniche a sbuffo o l’uncinetto. L’abbinamento preferito è il crop top e la gonna lunga stampata, il tutto indossato con sandali flat. Il secondo offre silhouette più discrete. Linee pulite dove il bianco viene appena evidenziato con ricami che rimandano al mondo vegetale.

1/16

Sfilate Ulla Johnson, Anna Sui, Pucci e Roberto Cavalli primavera-estate 2024.

© LAUNCHMETRICS.COM/SPOTLIGHT – ILLUSTRAZIONE FEMINA

Come adottare la tendenza?

Le stampe sono l’elemento chiave di questo look estivo. Che siano astratti, vegetali o grafici, li vogliamo su capi in raso dai volumi fluidi, come un caftano o pantaloni a gamba larga che possono anche essere sovrapposti. Ma sono i dettagli che faranno la differenza. Gli occhiali da sole sono indispensabili per andare in incognito, maxi gioielli per un tocco sofisticato, borse in materiali naturali perché è chic e ovviamente cappelli o sciarpe per proteggersi dal sole. Sta a te.

2/16

Sandali Maje in vernice, ​​​​​​​399 ​​​​​​​fr.

©DR

3/16

Turbante in maglia Missoni, ca. 230 franchi

©DR

4/16

Borsa a mano in spugna Sandro, 529 franchi​​​​​​​

©DR

5/16

Pantalone in seta Sandro, 329 fr.​​​​​​​

©DR

6/16

Abito ricamato Zara, 139 fr.

©DR

7/16

Borsa in paglia Ba&sh, 345 fr.

©DR

8/16

Occhiali da sole Gast, 159 franchi​​​​​​​

©DR

16/9

Pantaloncini stampati Longchamp, 470 fr.

©DR

10/16

​​​​Top macramè Longchamp, 440 fr.

©DR

11/16

Camicia in seta stampata Sandro, 399 fr.

©DR

12/16

Zoccoli in pelle Longchamp, 640 fr.

©DR

13/16

Top stampato Ba&sh, 230 Fr.

©DR

14/16

Caftano stampato H&M, 59 franchi. 95.

©DR

15/16

Orecchini di mango, 29 fr. 90.

©DR

16/16

Blazer in raso Zara, 89 franchi. 90.

©DR

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione