Il campione francese di hamburger parteciperà ai campionati del mondo negli Stati Uniti

Il campione francese di hamburger parteciperà ai campionati del mondo negli Stati Uniti
Il campione francese di hamburger parteciperà ai campionati del mondo negli Stati Uniti
-

Di

Adrian Deschepper

pubblicato su

26 maggio 2024 alle 8:02

Vedi le mie notizie
Segui le notizie Oise

IL Campione francese di hamburger 2023 ancora affamato! Proprietario del Red Bear N’ Burger, un ristorante specializzato in panini tondi a Compiègnenell’Oise, Mattia Carré non riposare sulla sua vittoria. Il ristoratore punta ad un passo ancora più alto: quello del titolo di campione mondiale di hamburger!

Dall’8 al 12 novembre si recherà a Indianapolis negli Stati Uniti per partecipare alla Campionati mondiali dell’alimentazione. Insieme ad altri tre chef rinomati e all’allenatore Jérémy Moscovici, chef privato a Miami e finalista Top Chef nel 2015, Matthias Carré rappresenterà la Francia nella terra del fast food durante questa competizione globale.

Una prima volta per lui ai campionati mondiali di hamburger

“È un’idea maturata rapidamente dopo la mia vittoria alla Coupe de France”, spiega lo specialista di hamburger. Questo “concorrente” confida che il suo ultimo titolo “non era un gol”. “Nel 2023 sono i francesi a vincere i mondiali. Trovo che lo sia buon momento per andare il mio turno “.

Per questo grande incontro, Matthias Carré sarà accompagnato da Julien Chauvenet, vincitore del World Burger Contest 2023, Kevin Muin e Charles Vinet, altri fanatici degli hamburger. Insieme fondano la “French Chefs Connection”, una squadra di chef francesi. Ma a differenza dei suoi compagni della squadra francese, il Compiégnois vivrà i suoi primi campionati del mondo. “Non conosco affatto gli Stati Uniti. Siamo in fase di studio perché tutti i giudici saranno americani”.

Gli americani non sono così discreti come possiamo esserlo in Francia. Quando fanno qualcosa di dolce, è molto dolce. Piccante, è molto piccante. E il grasso è molto grasso. Dovremo adattare le nostre ricette ai loro codici altrimenti non funzionerà.

Mattia CarréPartecipante ai prossimi campionati mondiali di hamburger

Il trentenne, “da sempre abituato a lavorare e immaginare da solo”, questa volta dovrà piegarsi al gioco di squadra per trionfare e fare la differenza tra i 1.500 chef presenti. “È un po’ sconcertante ma è un punto di forza perché abbiamo tutti qualità diverse. Quattro cervelli in un hamburger, non vedo l’ora di vedere come sarà”, dice spazientito lo chef. Sappiamo che dovremo fare ancora meglio di quelli che erano presenti l’anno scorso”.

Dopo la vittoria nella Coupe de France, il boss del Red Bear N’ Burger spera di fare un “one shot” ai mondiali: vincerli per la sua prima partecipazione. (©Adrien Deschepper / Oise News)

“Il Santo Graal della mia professione”

Arrivando a Indianapolis, Matthias Carré e i suoi compagni di squadra lo saranno in semifinale della competizione. Il tema di ciò che verrà loro chiesto sarà comunicato il mese prossimo. Poi, se tutto andrà bene, andranno alla finale dove verrà loro imposto un prodotto, con 48 ore per mettere a punto una ricetta.

” Questo è una competizione molto americana. Dovremo spiegare come sono fatti i nostri hamburger e come sono stati progettati», spiegano i Compiégnois. “Stiamo lavorando per garantire che non ci sia alcun dibattito possibile e che siamo completamente al di sopra degli altri”.

Video: attualmente su -

È emozionante, c’è la possibilità di essere incoronato migliore al mondo. Sarebbe il Santo Graal della mia professione. Vorrei vincere per la mia prima partecipazione. Vinceremo quest’anno, lo farò con questo in mente.

Mattia CarréPartecipante ai prossimi campionati mondiali di hamburger

Dopo questa competizione, Matthias Carré farà parte di una nuova struttura a Margny-lès-Compiègne, pur continuando a gestire il suo ristorante. In una sala, dove avranno sede la macelleria, il fruttivendolo e la pescheria, si occuperà della zona ristorazione e bar. “Se tutto va bene dovrebbe iniziare a dicembre”, dice.

“Ci saranno sempre hamburger, il concetto cambierà attorno al cibo di strada, sempre fatto in casa con prodotti freschi e locali. Ho già delle piccole idee in mente per renderlo un posto accogliente”.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione