Essonne: da 10 anni la fotografa Sabrina Kerloch cattura “momenti importanti della vita”

Essonne: da 10 anni la fotografa Sabrina Kerloch cattura “momenti importanti della vita”
Essonne: da 10 anni la fotografa Sabrina Kerloch cattura “momenti importanti della vita”
-

Di

Editoriale Essonne

pubblicato su

26 maggio 2024 alle 7:16

Vedi le mie notizie
Segui le notizie Essonne

Sabrina Kerloch è una delle fotografe di talento del nostro dipartimento! A 42 anni, la Montlherienne ha fatto della sua passione la sua professione. “Fin da quando ero piccolo, Ho una macchina fotografica tra le mani. Ho iniziato molto giovane a fotografare le gare ciclistiche”, ricorda la figlia di Serge Bonnat, leader emblematico del ciclismo dell’Essonne.

Una passione iniziata all’età di 10 anni

“Ho iniziato all’età di dieci anni, ero in viaggio tutti i fine settimana. Nel 2014 ho fatto il grande passo per avviare la mia azienda. Mi sono detto, perché no? La mia prima passione è stata il ciclismo, da piccola volevo diventare giornalista sportiva”, racconta Sabrina Kerloch. Appassionata di inquadrature diverse, l’Essoniana ha anche un’attrazione per tutto ciò che riguarda la decorazione, da qui la mescolanza di ambientazioni nei suoi scatti, soprattutto con i bambini.

“Ciò che mi piace della fotografia è poter creare tele artistiche, poterlo fare catturare momenti importanti della vita. Sapere che le mie foto verranno preservate per decenni interi e sicuramente conservate di generazione in generazione è gratificante”, confida questa madre di quattro figli che ammette di avere un debole per le foto di maternità e di neonati.

“Con questo lavoro posso combinare il mio amore per la fotografia con quello per la decorazione. E posso spingere la mia arte provando cose nuove e nutrendo il mio lato artistico”, sorride Sabrina Kerloch, che ha realizzato non meno di 1.200 sessioni nel 2023!

Ricordi e tante ricompense

“In dieci anni in azienda mi sono evoluto molto a livello di stile fotografico grazie alla formazione con grandi fotografi stranieri. Jsono riuscito a trovare il mio stile, il mio modo di lavorare. Nel corso degli anni ho potuto sviluppare il mio senso artistico”, racconta la Essonnienne pur conservando bei ricordi dei suoi vari servizi fotografici.

“Il mio ricordo più bello rimarrà per sempre quando ho iniziato ad essere selezionato per le mie prime gare internazionali, perché essere riconosciuti dai propri coetanei è il regalo più bellosoprattutto sapendo che ho iniziato la mia attività da autodidatta”, ricorda Sabrina Kerloch, un ricordo che fa da contraltare con il meno buono.

“Durante il mio primo servizio fotografico di matrimonio, gli sposi si sono ritrovati all’ultimo minuto senza torta, con grande sgomento dei presenti.” Motivata dall’idea di continuare questa dinamica, Sabrina Kerloch si mostra ambizioso in questo anno 2024 o anche in futuro.

Video: attualmente su -

“Spero di fare come negli anni precedenti e il mio piccolo progetto per l’anno è partecipare ogni mese al concorso Legacy International, in modo da poter essere tra i fotografi che potrebbero essere selezionati per Fotografo dell’anno. In futuro, mi piacerebbe assumere un apprendista per condividere le mie conoscenze e poter trasmettere questa passione per la fotografia. »

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Francos 2024: Fanny Bloom apre il ballo in grande stile
NEXT Sogni a colori, un tocco di magia a LaSalle: una mostra gratuita da scoprire al centro Henri-Lemieux fino al 20 giugno