DAKAR, UNA CAPITALE IN IMMAGINI

DAKAR, UNA CAPITALE IN IMMAGINI
DAKAR, UNA CAPITALE IN IMMAGINI
-

Alla Galleria Ourouss, la mostra Tutte le vite immaginate dagli artisti Moses Hamborg e Tabia Onabolu è un momento speciale per conoscere Dakar e le sue immagini. Mosè ritrae la vita quotidiana degli abitanti della capitale.

Alla Galerie Ourouss des Almadies ha luogo la mostra Tutte le vite immaginate da Moses Hamborg e Tabia Onabolu, che si concluderà il 9 giugno. Nelle sue opere, Moses “ritrattizza” la vita quotidiana a Dakar dove le immagini sono giustapposte in un decoro mozzafiato. “Quando Moses dipinge, lo fa dal vivo, quindi non usa foto. Si siede con ciascun soggetto per ore e ore. Dice che è quasi una questione di circostanze. Queste sono persone che incontra a Dakar e vuole trascorrere un po’ più di tempo con loro, quindi è davvero una questione di rapporto, ma trae anche ispirazione dalla vita quotidiana a Dakar. Qui è dove vedi le etichette sui taxi… e ogni dipinto ha dei riferimenti, come il faro di Mamelles o qualcos’altro. Dice infatti soprattutto che pur essendo un artista, ciò che gli interessa non è il rapporto visivo con il soggetto. Si tratta più di poter trascorrere del tempo insieme”, spiega Laetitia Walendom, curatrice, scrittrice, urbanista e produttrice tricontinentale, attualmente residente tra Dakar e Baltimora.

Per Mr. Moses la vita nella capitale è un susseguirsi di immagini e di incontri. “Fin dal suo arrivo a Dakar, si è lasciato ispirare dalla vita di tutti i giorni. Ad esempio, sono molte le persone che indossano la djellaba, soprattutto il venerdì per andare alla moschea. Inoltre, Moses ha fatto il bagnino per 10 anni, quindi gli piace davvero la spiaggia. Gli piace soprattutto andare, ad esempio, alla Moschea della Divinità”, aggiunge. Sul posto, osserva le persone che escono dalla moschea con “i loro abiti molto eleganti, molto belli, e tappeti da preghiera in mano”. “Ma Papa Laye, per esempio, soprattutto, si è presentato così all’inizio del Ramadan. È un giovane Baye Fall, ha il sabar in mano. E per lui comporre era facile. È stato molto, molto semplice per Moses realizzare il suo ritratto, perché deriva direttamente dalla personalità, dal carattere della persona”, afferma.

Di nazionalità americana, con sede a Los Angeles, Moses è diventato un “Dakarois” che getta il suo sguardo per catturare una città in perpetuo cambiamento. “Vedrai che in genere tutti hanno un look molto dinamico. È come se ti trovassi davanti ai quadri e conoscessi già la persona. Quindi, a Moses, piace dipingere soprattutto quando la luce è perfetta, perché permette di vedere direttamente l’espressione della persona, il modo in cui si pone, e tutto questo da un momento all’altro. E lo sguardo voluto, posso addirittura dire che è… soprattutto un modo per immortalare la persona. Sappiamo bene che tutti questi ritratti non riguardano solo persone che provengono da ambienti benestanti. Permette loro di immortalarsi perché Mosè è stato formato nella tradizione degli antichi maestri, quindi quelli del Rinascimento, dei grandi europei e tutto il resto. E sappiamo che all’epoca erano principalmente per regine, re e tutto il resto, ma il contrasto qui è che ci permette di presentare questa visione molto regale di tutti nella comunità, di tutti alla Cité Mbackiou Faye a Ouakam”, continua il curatore. Per lui è una residenza Black Rock. A contatto con la città, si fonde con la sua vita quotidiana. “Ed è stato gradualmente, quando ha incontrato diverse persone, che lui stesso si è permesso di imparare il wolof. Perché, come sai, non parla affatto francese, ma ha potuto conoscere tantissime persone. E ormai da due anni, quando è tornato a Dakar, l’ultima volta, è stato lì per nove mesi, ha vissuto con una famiglia di Baye Fall. Quindi tutte queste persone che vedi sono una grande famiglia. Li rivedrai anche durante lo spettacolo successivo. Ma soprattutto ogni persona è anche un artista a modo suo. Ad esempio, Penda è uno stilista, Papa Laye suona il mbalax. Zeyna che vediamo lì, è una marasca, quindi ha una voce davvero mozzafiato.

E anche la mamma, che è subito dietro, è anche lei una stilista, quindi è lei che ha realizzato anche il mio vestito. Quindi con ogni persona c’è un rapporto molto personale che permette non solo di sedersi insieme per diversi giorni, ma di diventare buoni amici”, analizza la signora Leaticia Walendom.

Moses Hamborg è nato nel 1995 a Huntington Beach, California (Stati Uniti), ma attualmente vive e lavora tra Los Angeles e Dakar, ed è diplomato alla Florence Academy of Art.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione