UNESCO: La Settimana Africana è stata un “magnifico successo” (Sig. Addahre)

UNESCO: La Settimana Africana è stata un “magnifico successo” (Sig. Addahre)
UNESCO: La Settimana Africana è stata un “magnifico successo” (Sig. Addahre)
-

Sabato 25 maggio 2024 alle 11:03

Parigi – La Settimana Africana dell’UNESCO, che ha chiuso venerdì sera a Parigi con una bellissima serata musicale, è stata un “magnifico successo”, ha accolto il presidente del Comitato Organizzatore dell’edizione 2024 di questo evento, l’ambasciatore, delegato permanente del Marocco presso l’UNESCO, Samir Addahre.

“Sono molto contento perché questa edizione è stata guidata dal Marocco dall’inizio alla fine. È un magnifico successo con uno straordinario entusiasmo popolare secondo l’opinione di tutti”, ha detto al MAP.

Secondo Addahre, questo evento organizzato dal 22 al 24 maggio sul tema “L’educazione al servizio dell’innovazione, dello sviluppo e della cultura in Africa” è stato una “bella vetrina” della cultura e dell’identità africana e dei messaggi di universalità portati da Africa.

Questo evento eccezionale, che si inserisce nella celebrazione della Giornata mondiale dell’Africa (25 maggio), permette anche di smantellare “tutti i pregiudizi sull’identità, sulla cultura, su ciò che siamo veramente”, ha osservato il diplomatico marocchino, aggiungendo che da questo evento culturale emerge un messaggio di universalismo.

“Siamo nella casa dell’universale. E quindi, che venga dall’Africa proprio attraverso la cultura africana, l’identità africana, i valori che portiamo, come africani, è straordinario ed eccezionale”, ha indicato.

La serata di chiusura è stata caratterizzata da spettacoli musicali provenienti da tutti i paesi partecipanti in una “magnifica atmosfera festosa, che riflette la cultura e la diversità africana”, ha esultato l’ambasciatore, rappresentante permanente del Regno presso l’UNESCO.

Il Marocco era rappresentato da una troupe di Gnaoua, un’arte ancestrale marocchina iscritta nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, l’opportunità per il pubblico di vivere un’immersione nell’affascinante mondo dell’arte Gnaoui.

Secondo Addahre si tratta di “un contributo del Marocco al suo continente, al suo universo immediato e alla sua proiezione africana”.

“Si tratta di un contributo al patrimonio del Marocco, il patrimonio immateriale, il patrimonio vivente del Marocco che si esprime oggi attraverso e nelle prossime edizioni di questa Settimana africana”, ha aggiunto.

L’UNESCO Africa Week è stata caratterizzata da un programma eclettico con mostre, sfilate di moda, laboratori per giovani studenti, conferenze e dibattiti, eventi artistici e degustazioni di piatti tipici africani.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione