“Hanno un’energia pazzesca”… Accordzéâm come un pesce nell’acqua a Ducourneau con la sua versione di “La Truite” che ha lasciato il segno

“Hanno un’energia pazzesca”… Accordzéâm come un pesce nell’acqua a Ducourneau con la sua versione di “La Truite” che ha lasciato il segno
“Hanno un’energia pazzesca”… Accordzéâm come un pesce nell’acqua a Ducourneau con la sua versione di “La Truite” che ha lasciato il segno
-

l’essenziale
Una sola parola per riassumere la serata di questo giovedì 23 maggio: eccezionale! Gli organizzatori delle Folies Vocals d’Agen hanno pescato un grosso pesce in questa stagione. Una trota superba che ha sicuramente colpito nel segno al teatro Ducourneau. Uno spettacolo straordinario che ha catturato il pubblico dalle prime note e senza la minima pausa fino al calare del sipario.

Rivisitando la famosa melodia de “La Truite” di Schubert, i cinque musicisti del gruppo Accordzéâm hanno disceso una vera e propria cascata di stili musicali. Le atmosfere e le variazioni si susseguivano, conducendo gli spettatori in un torrente di emozioni uditive e visive. Non possiamo che abboccare di fronte a questo inno alla giocosità e alla tolleranza servito da un’interpretazione festosa e umoristica di altissimo livello musicale.

Un unico quintetto per 1 ora e 15 minuti di spettacolo

Un violino, una chitarra, una batteria e altri strumenti a percussione, una fisarmonica, un contrabbasso, un flauto irlandese, perfino un kazoo per suonare la cornamusa e il quintetto Accordzéâm si è divertito con il celebre quintetto in la maggiore di Schubert. Per più di un’ora, il pubblico ha alternato bocche aperte e forti applausi allo spettacolo degli artisti che ci hanno raccontato con fantasia l’epica storia del piccolo animale pinnato dal suo piccolo ruscello di montagna all’immensità blu dell’oceano. Hanno concatenato variazioni attorno allo stesso tema con straordinaria maestria.

Un tour mondiale musicale

Dalla musica tradizionale andina al rap, dal barocco al rock, dal jazz alla danza orientale, dalle melodie gitane alla marcia militare o anche dalle ballate irlandesi al tango argentino ma sempre con umorismo e passione, gli artisti hanno moltiplicato gli stili con sconcertante facilità. Comprendiamo l’eccezionale successo di questo spettacolo al Festival di Avignone e il loro programma che si sta già riempiendo per il 2026. “Sono fantastici, sono sbalordito!”. esclama Fleur, una giovane madre venuta con sua figlia. Lo spettacolo viene elogiato dagli spettatori che si precipitano in sala per esprimere la loro soddisfazione agli organizzatori appena usciti dalla sala: “Hanno un’energia pazzesca”, “Non vedevo passare il tempo! È stata una serata semplicemente fantastica!” ” Nuovo scroscio di applausi all’ingresso del teatro all’arrivo degli artisti, attesi da tanti spettatori rimasti a congratularsi calorosamente. Una data che senza dubbio avrà segnato il festival di Agen.

Nota: incontra Aurélien Vivos domenica 26 maggio ad Agen (Théâtre Ducourneau) per l’ultima serata dell’edizione 2024 / Info e prenotazioni: www.foliesvocales.com – 07 69 70 21 70 – [email protected]

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione