Torna il 31 maggio la 19esima edizione di Cahors Juin Jardins che coltiva l’arte

Torna il 31 maggio la 19esima edizione di Cahors Juin Jardins che coltiva l’arte
Torna il 31 maggio la 19esima edizione di Cahors Juin Jardins che coltiva l’arte
-

l’essenziale
La nuova edizione del festival Juin Jardins inizia il 30 maggio a Cahors. Nuovo anno e nuovo tema posto sotto il segno dell’humus, lo strato superiore del terreno. Ecco alcuni semi che compongono il programma.

Già la 19a edizione. Il piccolo seme piantato nel 2006 dall’associazione Cahors Juin Jardins è diventato una bellissima pianta. Il festival ritorna dal 31 maggio al 2 giugno, per invitare i cadurciani a fare un giro. Per tutto il mese di giugno gli artisti saranno presenti nei giardini con diverse mostre. Per non parlare delle altre sorprese.

Quest’anno il tema scelto è l’humus. Dopo Germinazioni nel 2023, Juin Jardins continua a interessarsi agli esseri viventi. Humus è il tema scelto. Non stiamo parlando dell’hummus, una preparazione culinaria mediorientale composta in particolare da purea di ceci e tahini, ma piuttosto dello strato superiore del terreno creato, mantenuto e modificato dalla decomposizione della materia organica. Secondo gli organizzatori del festival, l’humus “esprime il rapporto tra l’uomo e la natura, la vita e la morte, l’organico e l’inorganico. Può essere considerato una metafora della creazione artistica, attraverso la trasformazione di elementi esistenti in qualcosa di nuovo e singolare. Gli artisti invitati a questa 19a edizione di Cahors Juin Jardins sono tutti accomunati dalla sensibilità per la natura, la biodiversità, la terra e gli elementi.

10 anni di sentiero del giardino paesaggistico

Ecco i semi che compongono il festival. In anteprima, il 29 maggio alle 16, presso la Biblioteca del patrimonio e della ricerca di Cahors, avrà luogo la presentazione degli erbari del XVIII secolo. Il giorno successivo, François Hirissou terrà una conferenza sui principi dell’agricoltura rigenerativa seguita dalla proiezione, in sua presenza, del film “Bienvenue les worms” di François Stuck. E il 31 maggio è il momento del lancio del festival. Alle 16 partirà dal Best Western la cavalcata inaugurale alla presenza di 15 artisti. A seguire, serata di inaugurazione con villaggio gourmet sulle Allées Fénélon (con spettacolo “Super naturel” alle 22,30). Molte altre attività si svolgeranno durante questi due giorni. Saranno aperti al pubblico 21 giardini privati, con un nuovo percorso, oltre a numerosi giardini cittadini in diversi quartieri.

E quest’anno il sentiero dei giardini paesaggistici della zona festeggia il suo decimo anniversario. Nel 2014, il PNR des Causses du Quercy e Juin Jardins hanno organizzato un progetto collettivo chiamato “Il giardino galleggiante” in 11 comunità che si affacciano sul Lot. Da allora, nuovi giardini si sono uniti all’avventura. In totale, il percorso attraversa una ventina di giardini. Il 1° e il 2° fine settimana di giugno, questo itinerario propone attività e visite guidate.

Il programma completo: www.cahorsjuinjardins.fr

-

PREV Una Tarnaise vincitrice del 17° Premio Nougaro per la migliore sceneggiatura occitana
NEXT Jazz Trotter: Johnny Griffin – Live in Valencia 82