A Cannes, Cate Blanchett con un abito con la bandiera palestinese?

A Cannes, Cate Blanchett con un abito con la bandiera palestinese?
A Cannes, Cate Blanchett con un abito con la bandiera palestinese?
-

Lunedì 20 maggio 2024 per salire sulla scalinata della première del film The Apprentice, l’attrice Cate Blanchett ha indossato un abito haute couture Jean Paul Gaultier di Haider Ackermann. Contro il tappeto rosso, il suo vestito nero, rosa e verde sembrava la bandiera della Palestina.

Che piaccia o no alla sua direzione, il festival ipermediatizzato di Cannes è necessariamente politico. E quanto più cerca di evitare le polemiche e i pregiudizi che Thierry Frémaux tanto odia, tanto più il minimo sospetto di attivismo colpisce l’opinione pubblica. Questo è ciò che salta all’occhio del recente look di Cate Blanchett.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato cookie e altri tracker. Questo contenuto è fornito da Twitter.
Per poterlo visualizzare, devi accettare l’uso effettuato da Twitter con i tuoi dati che potranno essere utilizzati per i seguenti scopi: consentirti di visualizzare e condividere contenuti con i social media, promuovere lo sviluppo e il miglioramento dei prodotti di Humanoid e dei suoi partner, mostrarti annunci pubblicitari personalizzati in relazione al tuo profilo e alla tua attività, definire un profilo pubblicitario personalizzato, misurare le prestazioni degli annunci pubblicitari e dei contenuti su questo sito e misurare il pubblico di questo sito (ulteriori informazioni)

Accetto tutto

Gestisci le mie scelte

L’abito bianco, verde e nero di Cate Blanchett sul red carpet di Cannes segna il suo sostegno alla Palestina?

Lunedì 20 2024, per la salita dei gradini del film L’apprendista, l’attrice australiana-americana 55enne indossava un abito haute couture Jean Paul Gaultier di Haider Ackermann. È un tubino senza spalline, nero sul davanti, rosa pallido sul retro, con il rovescio verde. Ma, per effetto ottico, sullo sfondo del tappeto rosso, la parte posteriore dell’abito appariva bianca, richiamando i colori della bandiera della Palestina.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato cookie e altri tracker. Questo contenuto è fornito da Twitter.
Per poterlo visualizzare, devi accettare l’uso effettuato da Twitter con i tuoi dati che potranno essere utilizzati per i seguenti scopi: consentirti di visualizzare e condividere contenuti con i social media, promuovere lo sviluppo e il miglioramento dei prodotti di Humanoid e dei suoi partner, mostrarti annunci pubblicitari personalizzati in relazione al tuo profilo e alla tua attività, definire un profilo pubblicitario personalizzato, misurare le prestazioni degli annunci pubblicitari e dei contenuti su questo sito e misurare il pubblico di questo sito (ulteriori informazioni)

Accetto tutto

Gestisci le mie scelte

Questo dovrebbe essere letto come un segno di sostegno al popolo di Gaza di fronte all’offensiva aerea e terrestre di Israele che ha causato quasi ” 35.000 morti segnalati » a Gaza secondo l’ONU?


Leggi anche:

Cinema inclusivo: Cate Blanchett lancia un programma di mentoring per donne e minoranze di genere

Anche Leïla Bekhti ha mostrato il suo sostegno alla Palestina al Festival di Cannes

Possiamo anche chiederci se non sia semplicemente il risultato del caso. Soprattutto perché Cate Blanchett non ha detto nulla su Gaza al Festival di Cannes, per il momento. Ma l’8 novembre 2023, al Parlamento Europeo, l’attrice si è espressa su questo argomento, chiedendo il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. In qualità di Ambasciatrice di buona volontà dell’UNHCR, Cate Blanchett, ha esortato l’Unione europea a non inasprire i confini e ha denunciato l’esternalizzazione delle procedure di asilo.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato cookie e altri tracker. Questo contenuto è fornito da Instagram.
Per poterlo visualizzare, devi accettare l’utilizzo effettuato da Instagram con i tuoi dati che potranno essere utilizzati per i seguenti scopi: consentirti di visualizzare e condividere contenuti con i social media, promuovere lo sviluppo e il miglioramento dei prodotti di Humanoid e dei suoi partner, mostrarti annunci pubblicitari personalizzati in relazione al tuo profilo e alla tua attività, definire un profilo pubblicitario personalizzato, misurare le prestazioni degli annunci pubblicitari e dei contenuti su questo sito e misurare il pubblico di questo sito (ulteriori informazioni)

Accetto tutto

Gestisci le mie scelte


Leggi anche:

Cesare 2024: cosa significa la spilla rossa indossata dalle star durante la cerimonia?

Mentre diverse recenti cerimonie di premiazione cinematografiche sono servite come espressione di sostegno alla Palestina, il festival di Cannes rimane ancora timido sulla questione. Per il momento, Leïla Bekhti si afferma come la più esplicita. Alla proiezione del film Furiosa: una saga di Mad Max Il 15 maggio 2024, sul suo abito firmato Ami by Alexandre Mattiussi, l’attrice francese ha indossato una spilla a forma di cuore e i colori di una fetta di anguria. Un frutto verde, bianco, rosso e nero che è diventato un simbolo della resistenza palestinese.

Questo contenuto è bloccato perché non hai accettato cookie e altri tracker. Questo contenuto è fornito da Instagram.
Per poterlo visualizzare, devi accettare l’utilizzo effettuato da Instagram con i tuoi dati che potranno essere utilizzati per i seguenti scopi: consentirti di visualizzare e condividere contenuti con i social media, promuovere lo sviluppo e il miglioramento dei prodotti di Humanoid e dei suoi partner, mostrarti annunci pubblicitari personalizzati in relazione al tuo profilo e alla tua attività, definire un profilo pubblicitario personalizzato, misurare le prestazioni degli annunci pubblicitari e dei contenuti su questo sito e misurare il pubblico di questo sito (ulteriori informazioni)

Accetto tutto

Gestisci le mie scelte


-

PREV Non dimentichiamo gli orfani e i bambini soli della nostra zona
NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione