il meglio del tappeto rosso con Miss France, Matt Dillon…

il meglio del tappeto rosso con Miss France, Matt Dillon…
il meglio del tappeto rosso con Miss France, Matt Dillon…
-

È con la sicurezza che l’ha accompagnata fin dall’inizio del suo regno che Eve Gilles ha calcato il suo primo tappeto rosso a Cannes. Martedì 21 maggio, prima di scoprire il nuovo film di Christophe Honoré, “Marcello Mio”, Miss France ha posato con un abito haute couture.

I fotografi sono rimasti stupiti dall’abito rosa della reginetta di bellezza: un modello in raso duchesse ricamato di cristalli di Stéphane Rolland e della collezione haute couture primavera-estate 2020 di inizio anno, mentre partecipava alla sua prima fashion week. Eve Gilles si era distinta anche in prima fila alla sfilata di Stéphane Rolland.

Il resto dopo questo annuncio

Miss France 2024 ha quindi seguito le orme di altre Miss France che avevano già sfilato su questo stesso tappeto rosso nei giorni scorsi, come Clémence Botino, Indira Ampiot, Amandine Petit, Iris Mittenaere (in un look futuristico), Flora Coquerel, Diane Leyre …

Il resto dopo questo annuncio

Deneuve e la fiamma olimpica sullo stesso tappeto rosso

Altre celebrità si sono distinte sul “red carpet” martedì sera. Sulla Croisette è tornato l’attore americano Matt Dillon, venuto l’anno scorso a presentare “Asteroid City”. Ha così potuto incontrare Emmanuelle Béart, copresidente della giuria della Caméra d’or quest’anno, Marina Foïs, Bilal Hassani e persino la monegasca Charlotte Casiraghi, venuta quest’anno da sola.

Nell’ottavo giorno del Festival, la salita serale è stata dedicata alla commedia “Marcello Mio”, presentata in concorso. Il regista Christophe Honoré ha potuto contare sui suoi attori per questa proiezione a Cannes: la sua attrice protagonista Chiara Mastroianni, sua madre Catherine Deneuve, ma anche Benjamin Biolay, Fabrice Luchini, Melvil Poupaud…

Il resto dopo questo annuncio

Il resto dopo questo annuncio

Fotografi e spettatori hanno vissuto anche un momento clou di questo 77esimo Festival di Cannes: l’ascesa dei gradini della fiamma olimpica.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione