Cannes 2024: “Donne sul balcone”, viva il maledetto umorismo femminista!

-

Presentato in proiezione di mezzanotte, il secondo lungometraggio di Noémie Merlant è un inno alla sorellanza e alla libertà.

(Un testo di Marine Guillain dal Festival di Cannes 2024)

Marsiglia, estate. Gran caldo. Su un balcone, una donna maltrattata dal marito lo aggredisce e lo uccide. Su un balcone vicino, Nicole (Sanda Codreanu), scrittore, fantastica sul vicino di casa dall’altra parte della strada. È raggiunta dalle sue amiche Ruby (Souheila Yacoub), cam-girl dal look apparentemente eccentrico ed Elise (Noémie Merlant), attrice appena scappata da una ripresa. Dopo essere stati invitati a una piccola festa a casa del famoso vicino, i tre amici si ritrovano con un cadavere tra le mani… Cercheranno quindi di uscire da questa sporca vicenda contando solo sulla loro amicizia, sulla loro forza e sulla loro ricerca. per la libertà.

Rivelato in “Ritratto della ragazza in fiamme” (2019, Céline Sciamma), Noémie Merlant ha confermato il suo talento recitativo in “A Good Man”, “Les Olympiades” poi “L’innocent”, di Louis Garrel, per il quale ha vinto un César. Si mette dietro la macchina da presa con “Mi iubita, mon amour” (in cui ha interpretato anche il ruolo principale) e la troveremo nel ruolo di protagonista dell’attesissima “Emmanuelle”, daAudrey Diwan. In “Donne sul balcone”, di cui ha collaborato alla sceneggiatura Céline Sciammail cineasta sembra divertirsi a mescolare i generi: suspense, horror, sangue, burlesque, commedia, fantasy… Una combinazione esplosiva, per denunciare la violenza sessista e sessuale.

>>

“Donne al balcone”
© 2024 NORD-OUEST FILMS – Francia 2 CINE’MA

Riuscire ad affrontare un tema così delicato attraverso il prisma della derisione: questa è la prima buona idea di questo lungometraggio che regge perfettamente. Le luci, i colori e i costumi donano un’identità gioiosa a questa favola satirica. Rimanendo totalmente impegnato nella denuncia dell’oppressione, “Donne sul balcone” spinge gli eccessi su tutti i fronti, con un lato da film di vendetta piuttosto divertente. La complicità tra i tre attrici funziona, poiché dà subito l’impressione che siano amiche da sempre. Finalmente, Noémie Merlant filma con grazia queste donne autentiche, moderne e libere, forti e fragili allo stesso tempo.

4/5 ★

Presto al cinema

Maggiori informazioni su “Donne al balcone”.

Leggi anche su Cineman:

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione