Il cortometraggio celebrato al Cégep de Saint-Félicien

-

Tra i costumi di lustrini, gli abiti chic e l’eccentrica cabina fotografica, mercoledì sera l’Hôtel du Jardin ha assunto l’aspetto di un festival cinematografico, mentre gli studenti del Cégep de Saint-Félicien si sono impegnati a promuovere il frutto del loro lavoro lavoro.

“È un evento per presentare i film che gli studenti hanno realizzato durante l’anno”, afferma Boran Richard, insegnante del programma Arti, Lettere e Comunicazione (ALC) al Cégep de Saint-Félicien. È anche un modo per celebrare il grande lavoro che hanno compiuto”.

Come parte del loro viaggio ALC, gli studenti apprendono le basi delle tecniche di animazione tradizionali, come ad esempio fermare il movimentodisegno, teatro di figura e animazione, aggiunge Boran Richard.

>>>>>>

Boran Richard, insegnante del programma Arti, Lettere e Comunicazione (ALC) al Cégep de Saint-Félicien. (Guillaume Roy/Le Quotidien)

“La maggior parte non ha mai toccato una macchina fotografica prima di arrivare al CEGEP e stiamo cercando di seminare una nuova passione”, afferma.

Il risultato è davvero impressionante, perché i film presentati dimostrano un rigore impressionante. Ciò è stato particolarmente vero nel contesto del film Pasticheprodotto da tutti gli studenti del primo anno del programma, che hanno riprodotto quasi cinque minuti dei film di Charlie Chaplin fermare il movimento con personaggi Playmobil.

(Montaggio di animazioni prodotte dagli studenti di Lettere, Lettere e Comunicazione del Cégep de Saint-Félicien tra il 2018 e il 2023)

“Sono sempre stato interessato al cinema ed è stato al CEGEP che ho imparato le tecniche di regia”, osserva Lydia Lalancette, una studentessa del secondo anno del programma. “È un’occasione straordinaria che abbiamo per fare cinema così, e soprattutto cinema d’animazione”, dice, precisando che è solo a Saint-Félicien che si può imparare questa tecnica nella rete dei college.

>>>>>>

Lydia Lalancette, studentessa del 2° anno e regista di due film presentati al Cinéclap. (Guillaume Roy/Le Quotidien)

Quest’ultima, che durante il Cinéclap ha presentato due film incentrati sull’umorismo, ovvero Idée d’marde e Je t’aime Tommy, ha scelto di proseguire gli studi in letteratura, ma il cinema resta un’arte che desidera esplorare in futuro.

“È il nostro evento dell’anno. Non vediamo l’ora ed è davvero divertente poter presentare i nostri film davanti a così tante persone”, afferma.

L’atmosfera era festosa all’Hôtel du Jardin, gremito di gente, con più di 280 persone presenti all’evento. Questa è anche la prima volta che l’evento viene presentato in questa sede, per accogliere un pubblico più numeroso, osserva Boran Richard.

>>>Marie-Laurence Simard, una studentessa del primo anno che ha diretto il film Falling into the Panel.>>>

Marie-Laurence Simard, una studentessa del primo anno che ha diretto il film Falling into the Panel. (Guillaume Roy/Le Quotidien)

“Abbiamo imparato moltissimo sul cinema, che è un campo molto vasto”, osserva Marie-Laurence Simard, una studentessa del primo anno che ha diretto il film. Cadere nella trappola.

“Dalla sceneggiatura al film finito, c’è davvero tanto lavoro. E anche quando il film sarà finito, possiamo ancora lavorare su tanti piccoli dettagli”, osserva.

E i vincitori sono…

Nell’ambito di Cinéclap, i video sono stati giudicati da tre giurati professionisti dell’industria cinematografica, vale a dire Claudia Chabot, direttrice generale di Bande Sonimage, Anaë Bilodeau, regista di animazione dello Studio Laps e Bogdan Stefan, regista e scrittore.

Il premio per il miglior film è stato assegnato a Léonie Savard, per Antifunzionalementre il premio per la migliore animazione è andato a Joey Morin e Marie-Laurence Simard per Cadere nella trappola.

>>>Per l'evento è stato allestito un bizzarro stand fotografico.>>>

Per l’evento è stato allestito un bizzarro stand fotografico. (Guillaume Roy/Le Quotidien)

Il premio per la migliore sceneggiatura è andato a Schiacciantedi Leslie-Anne Boucher, Alejandro Gardia Martinez, Claire-Clémence Ferchaud e Maude Nolet e il miglior montaggio è andato a idea di merdadi Ève-Marie Bouchard, Meggan Grenon e Lydia Lalancette.

Sono stati assegnati i premi del pubblico a idea di merda E Antifunzionale. Menzioni anche per i film Cherry Red e Intermixed, rispettivamente per l’animazione e la regia fotografica.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione