Malou Khibizi ci racconta il suo casting

Malou Khibizi ci racconta il suo casting
Malou Khibizi ci racconta il suo casting
-

Articolo riservato agli abbonati

Il “Rough Diamond” di Agathe Riedinger è lei, Malou Khebizi. E il suo personaggio bimbo che vuole solo essere amato è un ruolo davvero compositivo.

“Contemporaneamente ai miei studi lavoravo in ristoranti per pagarmi l’affitto quando il regista di un piccolissimo cortometraggio amatoriale che avevo realizzato a Marsiglia mi ha inviato il progetto. Ho inviato un video di presentazione che ho realizzato nel seminterrato del bar con alcuni amici, poi ho conosciuto la direttrice del casting Julie Allione. E poi è durato otto mesi. Ho conosciuto molto presto la regista Agathe Riedinger, ma per lei era molto importante scegliere l’attrice per il personaggio che aveva scritto per molti anni. Durante il casting mi sono presentata così come sono nella vita di tutti i giorni, cruda (ride).

Il resto dopo questo annuncio

Quando ho ottenuto il ruolo, abbiamo lavorato molto. Innanzitutto sul corpo, sull’atteggiamento. Era assolutamente necessario cancellare tutti i miei piccoli tic, non inclinare troppo la testa, non sorridere troppo, stare dritta, non accavallare le gambe. Liane è una ragazza piuttosto selvaggia e quindi dovevo sempre dimostrarlo e non abbassare mai lo sguardo. Anche l’approccio. Successivamente, durante le riprese, c’è stata una vera trasformazione estetica e fisica. I capelli, le extension, le sopracciglia, il trucco, mi avevano già fatto delle iniezioni, me le hanno tolte, questo mi ha permesso di lavorare su me stessa, mentre avevo tempo per farlo. E poi c’erano le protesi e gli effetti speciali per i seni finti. »

-

PREV Couiza. Artisti da seguire propone una colorata 17a edizione
NEXT Castanet-Tolosan. Crocevia creativo al mercato del sabato