Abbiamo visto Furiosa a Cannes: il nuovo Mad Max con Anya Taylor-Joy è molto diverso da Fury Road ma altrettanto pazzesco! – Notizie sul cinema

-

Presentato in anteprima al 77° Festival di Cannes, “Furiosa” arricchisce l’universo di “Mad Max: Fury Road” raccontando l’epica storia dell’ormai famosa Imperatrice, oggi interpretata da Anya Taylor-Joy.

Quasi dieci anni dopo aver rilanciato la saga cult di Mad Max con Fury Road, già presentato a Cannes, George Miller è tornato sulla Croisette per una nuova avventura potenziata incentrata sul personaggio di Furiosa.

Era uno degli eventi attesi della 77esima edizione del Festival di Cannes: la sessione ultra glamour di questo prequel per il quale Anya Taylor-Joy succede a Charlize Theron nei panni della celebre Imperatrice.

Perché Furiosa racconta la giovinezza dell’eroina in un mondo in declino. Tutto cambia quando viene strappata dalla Terra Verde e catturata da un’orda di motociclisti guidati dal temibile Dementus. Mentre cerca di sopravvivere alla Desolazione, a Immortan Joe e di ritrovare la strada di casa, Furiosa ha una sola ossessione: la vendetta.

La superstar di Anya Taylor-Joy

L’attrice rivelatasi in The Witch e apprezzata fin dai tempi di Split e Queen’s Gambit è stata scelta per questo ruolo leggendario nell’universo di Mad Max e capiamo il perché. Non c’era attrice migliore per interpretare questa tosta eroina.

2024Warner Bros. Feature Productions Pty Limited e Domain Pictures, LLC.

La sua interpretazione molto organica e viscerale, quasi silenziosa, di Furiosa rende onore a questo personaggio e sentiamo il coinvolgimento fisico e spirituale dell’attrice in questo monumentale blockbuster.

Dopo l’incarnazione della giovane Furiosa da parte dell’imponente e fugace attrice australiana Alyla Browne (già vista alla Miller in Tremila anni aspettando te), Anya Taylor-Joy arriva una quarantina di minuti dopo l’inizio del film con solo la sua postura e i suoi occhi per distinguersi dal caos della Cittadella.

Eppure, nascosta sotto il suo costume, la sua attrezzatura e senza che esca un suono dalla sua bocca, vediamo solo lei. Coinvolta al 100% nel suo ruolo, Anya Taylor-Joy onora l’eredità lasciata da Charlize Theron contribuendo a gettare le basi per un personaggio tanto potente quanto stimolante.

Affronta anche Chris Hemsworth nei panni di un cattivo completamente pazzo, un mix tra il leader di un gruppo rock e un guru assetato di sangue, un ruolo che affronta di petto e che gli permette finalmente di staccarsi dalla sua immagine Marvelous. E conta anche sul suo compagno di gioco Tom Burke, una forza silenziosa nel ruolo di Praetorian Jack, una sorta di mentore che l’aiuterà a plasmare la sua leggenda.


2024Warner Bros. Feature Productions Pty Limited e Domain Pictures, LLC.

Se Anya Taylor-Joy si sta affermando sempre più nella cultura pop e nei blockbuster, con Dune e Super Mario Bros, in precedenza si era distinta soprattutto nei thriller e nei film di genere grazie al suo magnetismo.

Lo avrai sicuramente notato La strega, DivisoGlass, I Nuovi Mutanti, Last Night in Soho, The Northman e perfino Le Menu, grazie alla sua presenza sconcertante e al suo sguardo ammaliante.

E sono queste qualità che aggiungono un gradito fascino e una singolarità alla sua interpretazione in Furiosa, in cui usa tutte le sue risorse e mostra tutte le sue carte per dimostrare di avere l’anima e le armi per essere una superstar.

Fury Road e Furiosa, non la stessa lotta

Se il film Furiosa si inserisce perfettamente nell’universo di Mad Max: Fury Road, con la stessa estetica, la stessa atmosfera, la stessa energia e soprattutto la stessa qualità grafica, anche se certi effetti visivi sono più visibili, i due lungometraggi non non condividono gli stessi problemi, né gli stessi desideri di sceneggiatura.

b1ef495c3a.jpg
2023Warner Bros. Entertainment Inc. Tutti i diritti riservati.

Fury Road ha saputo far esplodere blockbuster d’azione con un ritmo frenetico e un inseguimento denso, esplosivo e ben oliato in pochi giorni, riportando il personaggio di Mad Max sotto i riflettori per una nuova avventura ad alta tensione mentre Furiosa prende forma più come un’epopea su una linea temporale più ampia.

Il film, infatti, è il perfetto esempio di prequel di successo e ripercorre circa quindici anni di vita dell’eroina, suddivisi in 5 capitoli, altrettanti momenti chiave e piccole rinascite per una pelle viva, costretta ad adattarsi e ricostruirsi fisicamente e mentalmente per sopravvivere. .

Se l’emozione è palpabile, l’azione è sempre lì, come dimostra un’impressionante sequenza di 15 minuti di attacchi mobili e aerei contro una nave da guerra, con grande precisione e il più vicino possibile ai corpi e ai reattori. Furiosa racconta la storia dell’inizio del caos e di come questo abbia influenzato i personaggi nella loro carne e nella loro anima.

2e892c6e18.jpg
2024Warner Bros. Feature Productions Pty Limited e Domain Pictures, LLC.

Anche se può sembrare didascalico su certi punti, il film ci spiega “dietro le quinte” di Fury Road, in modo che i fan possano trovare gli ammiccamenti e le risposte alle domande che il primo film poteva porre, e che il Le persone che non hanno visto Fury Road non verranno lasciate sul ciglio della strada.

Ma Furiosa è soprattutto la costruzione di questa guerriera unica, che diventa la sua stessa creazione, metà donna, metà macchina e soprattutto padrona del suo destino di fronte agli uomini che la temono, la riveriscono o la degradano. Una storia di trascendenza e vendetta attraverso una rabbia femminile liberatoria.

Più ambiziosa, più forte e più drammatica, Furiosa è un’odissea epica e tragica che racconta l’avvento di un’eroina e che arricchisce una grande mitologia, ricordandoci il caos del mondo. George Miller compie un tour de force rinnovando se stesso e seguendo gli sviluppi sociali del nostro mondo, il tutto senza calpestare i bordi di Fury Road ma quasi dandole un secondo vento. Prima di un nuovo film?

Il film di George Miller “Furiosa” uscirà nelle sale il 22 maggio.

-

PREV I 5 penes di giovedì 16 maggio
NEXT Cannes 2024: “La mia vita, la mia bocca”, il film postumo di Sophie Fillières apre il concorso