Paesi Bassi | “Lord Gregorious” costruì un castello nel suo giardino

-

(Blesdijke) Lord Gregorious, un olandese di 76 anni, intrattiene nel suo castello in stile romanico a cinque piani che ha costruito lui stesso in fondo al suo giardino, completo di cavalieri, damigelle in pericolo e un drago fatto di metallo riciclato.


Inserito alle 11:04

Riccardo CARTER

Agenzia media francese

Le torri dell’edificio, denominato Olt Stoutenburght, si affacciano sul paesaggio pianeggiante intorno al piccolo villaggio di Blesdijke, nel nord dei Paesi Bassi.

Il proprietario del luogo, il cui vero nome è Gerry Halman, ha impiegato 34 anni per costruire l’edificio, costruito con cura con materiali provenienti da decine di paesi, traendo ispirazione dalla Cina, dall’Impero Romano e dall’Antico Egitto.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO NICK GAMMON, AGENCE FRANCE-PRESSE

Signore Gregorious

“Una mattina del 1990 dissi a mia moglie: ‘Sono pronto. Ho il quadro completo. So come appare l’edificio, da cima a fondo”, ha detto all’AFP il signor Halman, un pensionato baffuto che indossa un cappello di pelliccia.

Da allora costruire e arredare il castello è diventata la sua “passione”. Viaggia in tutto il mondo per trovare materiali e dare forma a ciò che ha immaginato.

Un lampadario in metallo proveniente da Istanbul e balaustre in ferro decorate in stile liberty rinvenute in Libia decorano la grande sala a volta. Cartelli incisi su una barra di legno della carrozza ristorante dell’Orient Express invitano i signori a non urinare sul pavimento.

La biblioteca contiene centinaia di libri di arte e storia, sulla scrivania sono presenti una pistola da duello e un tradizionale pugnale indonesiano.

Gerry Halman gestì per 35 anni un negozio di costumi nella vicina Zwolle e popolò il suo castello con numerosi personaggi, tra cui cavalieri in armature scintillanti, damigelle in pericolo e una statua della dea greca Afrodite.

In cima all’edificio alto 26 metri si trova un drago realizzato con centinaia di pezzi di metallo riciclato, un omaggio alla cultura cinese. Accanto al drago, un cobra anch’esso in metallo ricorda i faraoni dell’antico Egitto.

” Non sono pazzo ”

Cosa motiva qualcuno senza esperienza nel campo dell’architettura o dell’edilizia ad intraprendere un progetto del genere?

“Cosa spinge le persone ad attraversare la Francia in bicicletta per tre settimane o ad andare in palestra? “, risponde bonariamente il signor Halman, che si è sentito “obbligato” a costruire il castello.

“Sono sempre stato un fan del mondo fantastico fin da quando ero bambino, non del mondo reale”, spiega.

Ma si è scontrato ben presto con la realtà quando ha presentato il suo progetto alle autorità locali per ottenere il permesso di costruire.

“Il sindaco ha detto: ‘È pazzo’. Non è un costruttore. Non ha esperienza in architettura e vuole costruire un castello”, ricorda il pensionato.

Egli insistette e finì per ottenere l’autorizzazione a condizione che l’altezza del castello non superasse i 28 metri.

La maggior parte dei materiali utilizzati sono riciclati o sono stati trovati nei mercatini dell’antiquariato durante i viaggi. Era tutto autofinanziato ma il signor Halman non ha idea del conto totale: “Non chiedere mai il prezzo di qualcosa, altrimenti non oserei mai farlo”, commenta.

Come la Basilica della Sagrada Familia a Barcellona, ​​​​l’Olt Stoutenburght “non è mai finito”, dice il suo proprietario. Il suo motto: “Possiamo sempre migliorare la bellezza”.

I suoi tre figli continueranno il lavoro della sua vita dopo la sua morte. Sua nipote, Sara van den Kamp, 16 anni, ricorda che da bambina si divertiva nel parco del castello e festeggiava il Natale con la famiglia nella Sala Grande.

“È molto bello.” “Non molte persone possono dire che il proprio nonno possieda un posto come questo che ha costruito lui stesso, è davvero unico”, ha detto all’AFP.

La moglie di Halman da 50 anni “ama” il progetto ma “sta lontano”, ha detto. “Faccio le mie cose, è per me. Abbiamo il matrimonio perfetto”, afferma entusiasta.

I turisti arrivano da ogni parte per ammirare il castello. Monique Meijer, un’infermiera di 55 anni, rimase senza fiato quando entrò nell’atrio. “È semplicemente fantastico”, esclama.

“È impressionante che lo abbia fatto da solo. Interni molto belli. Ci sono un sacco di archi e bellissimi mattoni. Molta fantasia”, dice.

Il signor Halman dice che molte persone tornano da una visita pensando che sia pazzo. Cita una frase di Salvador Dalì, altra fonte di ispirazione. “L’unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo. »

-

PREV Una coppia del bacino del Puy vince un bel jackpot grattando un “Cash”!
NEXT Per un film, un direttore del casting cerca comparse contro compenso a Bordeaux