Montfort-sur-Boulzane. Presenta il suo gioco da tavolo realizzato nell’Aude ad un festival a Tolosa

Montfort-sur-Boulzane. Presenta il suo gioco da tavolo realizzato nell’Aude ad un festival a Tolosa
Descriptive text here
-

l’essenziale
Un abitante del villaggio, Nicolas Le Denmat, si è recato a Tolosa per presentare un gioco da tavolo di cui è autore e creatore.

Artigiano macellaio di professione, appassionato di escursionismo, arrampicata e giochi da tavolo, ha saputo unire le sue passioni per creare un gioco di costruzione e strategia in estensione verticale. Per un anno ha tratto ispirazione dalle sue escursioni e dalle sue sessioni di arrampicata, da qui il nome del suo gioco: Corsa verso l’alto, le cui parti ha poi fatto produrre da un laboratorio di stampa 3D situato nel vicino villaggio di Lapradelle. Poi la sua avventura si concretizza. Invia la sua candidatura a Tolosa per partecipare al festival Alchemy of the Game, che propone ai suoi “visiplayers” ogni tipo di attività divertente ad accesso gratuito. Allo stesso tempo, questo festival seleziona una trentina di autori di giochi che sono invitati a presentare al pubblico i loro prototipi. Il vincitore riceve un finanziamento per pubblicare il proprio gioco.

Costruzione e strategia

Con il suo prototipo sotto il braccio, si è presentato Corsa verso l’alto, Da 2 a 4 giocatori. Un gioco dura circa 40 minuti ed è adatto a bambini dai 10 anni in su. Il principio dovrebbe piacere agli escursionisti, perché prevede di costruire la vetta con blocchi colorati, per raggiungerla senza difficoltà. In ogni gioco, la montagna creata è diversa. I bambini potranno divertirsi con i blocchi e provare diverse strategie di arrampicata.

Nicolas non ha vinto il primo premio del festival, ma per lui la sua partecipazione è un successo. “Mi è piaciuto far conoscere il mio gioco al pubblico e suscitare emozioni. È un gioco visivo e di facile comprensione, un gioco di costruzione e di strategia. Sono molto felice di essere stato selezionato e ho avuto alcuni contatti con editori che mi piacerebbe fare un altro spettacolo e passare alla fase successiva, ovvero costruire il mio gioco.

-

PREV “La Bella e la Bestia” passeggia tra i corridoi di uno dei castelli più belli dei Paesi della Loira
NEXT Limoux – Incontro con Fernand Garanto, lo stuntman impossibile