Eurovision 2024: delusione per il candidato belga, Mustii eliminato in semifinale della competizione

Eurovision 2024: delusione per il candidato belga, Mustii eliminato in semifinale della competizione
Descriptive text here
-

Mustii, il candidato belga all’Eurovision Song Contest, non è stato selezionato giovedì sera per raggiungere la finale del concorso musicale. Ha difeso il titolo “Prima della fine della festa” durante la seconda semifinale disputata a Malmö, in Svezia.

Scelti in base al voto del pubblico, i candidati lettoni, austriaci, olandesi, norvegesi, israeliani, greci, estoni, svizzeri, georgiani e armeni accedono alla finale che si svolgerà sabato.

Si aggiungono ai candidati inviati da Serbia, Portogallo, Slovenia, Ucraina, Lituania, Finlandia, Cipro, Croazia, Irlanda e Lussemburgo, già selezionati martedì per la prima semifinale.

Sei paesi si qualificano automaticamente per la finale: la Svezia, detentrice del titolo, e i “big five” – Germania, Spagna, Francia, Italia, Regno Unito – i maggiori contributori all’organizzazione della competizione.

La partecipazione al concorso della cantante israeliana Eden Golan, con il brano Hurricane, è stata contestata a causa della guerra tra Israele e Hamas a Gaza, con diverse petizioni in tutta Europa che chiedevano l’esclusione del paese.

Anche il belga Mustii ha portato un messaggio politico giovedì sera durante la sua esibizione a Malmö. Sulle sue braccia erano visibili lettere nere che formavano la parola “Pace”. Poco prima, anche il cantante svedese Éric Saade, il cui padre è di origine palestinese, portava una kefiah al braccio.

Migliaia di persone hanno marciato giovedì per le strade di Malmö per protestare contro la partecipazione di Israele all’Eurovision. Secondo la polizia nel pomeriggio si sono radunate tra le 10 e le 12mila persone.

All’inizio della serata, una cinquantina di manifestanti filo-palestinesi si sono radunati davanti alla Malmö Arena, dove si svolge il concorso canoro europeo, prima di essere spostati da numerosi agenti di polizia. I manifestanti si sono radunati anche nel villaggio Eurovision, dove sul grande schermo è stata trasmessa la semifinale alla quale ha gareggiato Israele.

In Belgio, circa 70 persone – secondo gli organizzatori – hanno manifestato giovedì sera a Bruxelles davanti all’ingresso principale della RTBF e della VRT, che trasmettevano la seconda semifinale dell’Eurovision.

Giovedì i sindacati della VRT hanno anche brevemente interrotto la trasmissione dell’inizio della seconda semifinale della competizione per un’azione di protesta. In onda è stato trasmesso un messaggio di sostegno al popolo palestinese.

Concorso Eurovision Mustii Eurovision

-

PREV il candidato croato rifiuta un bonus di 50.000 euro a favore dei bambini malati
NEXT Potresti fare una crociera con Guylaine Tremblay e Marie-Claude Barrette