La Paramount è in trattative per aprire i suoi libri a Sony e Apollo, dicono le fonti

La Paramount è in trattative per aprire i suoi libri a Sony e Apollo, dicono le fonti
La Paramount è in trattative per aprire i suoi libri a Sony e Apollo, dicono le fonti
-

Paramount Global è in trattative per aprire i suoi libri contabili a un consorzio formato da Sony Pictures e alla società di buyout Apollo Global Management, interessata ad acquisire la società di media statunitense, hanno detto mercoledì persone a conoscenza della questione.

I consiglieri di entrambe le parti stanno discutendo i termini di un patto di riservatezza che consenta lo scambio di informazioni commercialmente sensibili, hanno detto le fonti. Ciò consentirebbe ad Apollo e Sony di rafforzare la loro offerta di 26 miliardi di dollari e di opporsi all’offerta concorrente di Skydance Media, di proprietà di David Ellison.

Un comitato speciale del consiglio di amministrazione della Paramount incaricato di valutare le opzioni della società ha lasciato scadere il periodo di esclusività nelle sue discussioni con Skydance la scorsa settimana.

Le fonti hanno chiesto l’anonimato a causa della natura riservata della questione e hanno affermato che non c’erano garanzie che le discussioni avrebbero portato ad un accordo.

Un portavoce del comitato speciale della Paramount ha rifiutato di commentare.

Tony Vinciquerra, presidente della Sony Pictures, si è rivolto per la prima volta all’azionista di maggioranza della Paramount, Shari Redstone, diversi anni fa per prendere in considerazione l’acquisizione dello studio cinematografico Paramount Pictures, secondo due fonti a conoscenza della questione. All’epoca Shari Redstone non era interessata allo scioglimento della società, ha detto una delle fonti.

Da allora, Sony ha ampliato la propria attività di intrattenimento, che comprende produzione cinematografica, musicale e televisiva, nonché distribuzione ed editoria.

Sony Pictures possiede più di 3.500 film, inclusi franchise come “Jumanji”, “Resident Evil” e “James Bond”.

Collaborando con la Paramount, che ha prodotto i film “Star Trek”, “Top Gun” e “Il Padrino”, la Sony Pictures creerebbe uno studio di Hollywood con il peso degli Universal Studios o dei Walt Disney Studios in termini di botteghino.

Un legame tra Sony e Paramount darebbe loro una quota del 20,5% del botteghino nordamericano, secondo l’analisi delle quote di mercato di Comscore, basata sulle vendite dei biglietti nel 2023.

Skydance ha proposto una transazione complessa, in cui pagherebbe circa 2 miliardi di dollari per acquisire la holding della famiglia Redstone, National Amusements, che possiede il 77% delle azioni con diritto di voto di Classe A della Paramount.

Si prevedeva quindi che la Paramount acquisisse Skydance con un accordo su tutte le azioni del valore di circa 5 miliardi di dollari. Ha quindi proposto un’offerta da 3 miliardi di dollari che includeva una combinazione di riacquisto di azioni proprie e liquidità che potrebbe essere utilizzata per ripagare il debito. (Segnalazione di Dawn Chmielewski a Los Angeles e Anirban Sen a New York; Montaggio di Jamie Freed)

-

PREV Film della settimana: “Lightning” di Carmen Jaquier
NEXT Nel film “Una piccola cosa in più”, il film di Artus, la rappresentazione della disabilità divide queste associazioni