Proiezione del film senegalese “Camp de Thiaroye” a Cannes, 35 anni dopo la sua proibizione

Proiezione del film senegalese “Camp de Thiaroye” a Cannes, 35 anni dopo la sua proibizione
Proiezione del film senegalese “Camp de Thiaroye” a Cannes, 35 anni dopo la sua proibizione
-

Amy BA

2 maggio 2024 alle 16:06

Dopo la sua messa al bando nel 1988, il film “Camp de Thiaroye”, opera dei registi senegalesi Ousmane Sembene e Thierno Faty Sow, non era mai stato trasmesso in Francia. Questa situazione cambierà durante la 77esima edizione del Festival di Cannes, dove il film sarà presentato nella categoria Cannes Classics dal 14 al 25 maggio. Il film, che racconta il tragico massacro dei fucilieri senegalesi del 1944, è stato restaurato da “The Film Foundation” e dai suoi partner.

Questa selezione evidenzia un periodo oscuro della storia, in cui di ritorno dalla Seconda Guerra Mondiale, i soldati senegalesi furono uccisi dagli ufficiali francesi dopo aver rivendicato i loro diritti. La presenza di questo film nel cartellone dei Classici di Cannes evidenzia il continuo impatto del cinema africano e l’importanza di presentare le narrazioni africane in contesti internazionali più ampi.

Il cinema africano resta sottorappresentato a Cannes: anche quest’anno non è presente alcuna opera africana nella competizione ufficiale. Tuttavia, film come “On Becoming a Guinea Fowl” del regista zambiano Rungano Nyoni e “The Village Next Paradise” del regista somalo Mo Harawe, saranno presenti nella categoria “Un certain Regard”, che esplora visioni cinematografiche audaci.

-

PREV Selena Gomez ha “molta speranza” per la salute mentale della prossima generazione
NEXT Sofia Vergara: “Non posso essere troppo difficile con gli uomini”