Quattro giornaliste senior fanno causa alla BBC per discriminazione

Quattro giornaliste senior fanno causa alla BBC per discriminazione
Quattro giornaliste senior fanno causa alla BBC per discriminazione
-

Quattro giornaliste esperte hanno fatto causa alla BBC, accusandola di discriminazione, dopo essere state escluse dai ruoli di presentatrice durante la fusione tra i suoi canali di notizie nazionali e internazionali, BBC News e BBC World News.

Quattro giornaliste esperte hanno fatto causa alla BBC, accusandola di discriminazione, dopo essere state escluse dai ruoli di presentatrice durante la fusione tra i suoi canali di notizie nazionali e internazionali, BBC News e BBC World News.

Un processo di reclutamento “truccato”.

Martine Croxall, Karin Giannone, Kasia Madera e Annita McVeigh, di età compresa tra 48 e 55 anni, note ai telespettatori della BBC, accusano il pubblico di discriminazione sessuale e basata sull’età, cosa che quest’ultima nega.

Nelle loro testimonianze scritte, presentate mercoledì durante un’udienza preliminare davanti a un tribunale specializzato in controversie professionali, denunciano un processo di reclutamento “truccato” a seguito della riorganizzazione dei canali di informazione della BBC, annunciata nel 2022.

Un “ambiente ostile, degradante e intimidatorio”

Lamentano in particolare “discriminazioni” e “molestie” per aver subito un “ambiente ostile, degradante e intimidatorio sul posto di lavoro”. Tutto, accusano, a causa di un processo di “reclutamento fantoccio in cui le nostre posizioni venivano chiuse anche se i licenziamenti non erano reali”.

Affermano di aver subito retrocessioni e tagli salariali dopo la fusione, cosa che “nessuno” dei loro colleghi uomini o giovani donne ha sperimentato. La BBC, da parte sua, difende un processo “rigoroso ed equo”. All’inizio del 2020, i tribunali si sono pronunciati a favore di una presentatrice, Samira Ahmed, che ha fatto causa alla BBC per discriminazione salariale perché veniva pagata sei volte meno del suo collega maschile.

-

PREV Un elenco di 10 nomi legati al movimento #MeToo potrebbe sconvolgere pericolosamente il Festival di Cannes
NEXT Deborah de Robertis svela le sue motivazioni