Mickaël Gouin spiega perché la sua esperienza al SNL Québec è stata molto intensa

-

Se all’inizio della sua carriera si è distinto con ruoli comici, il dramma gli si addice perfettamente. La prova: nella seconda stagione di Bestia nera, interpreta un padre recentemente separato che apprende con orrore che la sua ex moglie ha avvelenato i loro due figli. Focus sulla carriera di Mickaël Gouin.

• Leggi anche: Léane Labrèche-Dor spiega perché per molto tempo non ha voluto lavorare con suo padre

Mikaël, qual è stato il tuo primo ruolo sul piccolo schermo?

Dopo aver lasciato la National Theatre School, ho recitato in due serie di sketch: We Have the Images, un concetto di spettacolo creato dal comico Anthony Kavanagh, poi LOL — per “morte delle risate” —, uno spettacolo rivolto agli adolescenti sul canale Vrak. Io e gli altri attori avevamo la missione di far ridere i ragazzi sul set con diversi sketch… mentre noi spesso ridevamo anche noi! (ride)

Anche tu eri di SNLQuébecl’adattamento del Quebec dello spettacolo americano Sabato sera in diretta!

Dato che avevo un conflitto di programmazione il primo giorno di riprese, la produzione mi ha permesso di registrare la mia parte in anticipo durante le prove dal vivo alle 17:00. Poi un’auto mi aspettava fuori dallo studio per portarmi all’aeroporto, dove ho preso un jet privato per andare a Ottawa, perché dovevo essere sul palco del National Arts Center alle 19:00. Abbastanza intenso come prima esperienza SNLQuébec! (ride)

>>>>>>>>

Foto: Frederic Auclair/TVA

Nel 2014 hai partecipato anche ad un’altra serie degna di nota: Il mio ex. Che ricordi ne hai?

Ho avuto l’opportunità di parlare con due amiche, Sophie Desmarais e Mylène St-Sauveur. Nella seconda stagione, io e Mylène abbiamo girato circa 25 scene con atti sessuali, una cifra enorme per una serie TV!

È più facile quando conosci l’attrice con cui reciti?

Penso di sì, perché non esiste alcuna barriera emotiva. Ci conosciamo già, ci fidiamo l’uno dell’altro, sappiamo che non c’è ambiguità tra noi, quindi ci immergiamo senza imbarazzo, senza ritegno.

La scena finale di Il mio ex è stato epico!

SÌ. Fin dalla prima stagione, il pubblico sperava che Amélie (Sophie Desmarais) abbracciasse finalmente il suo amore per il suo migliore amico, Mathieu, che interpretavo. Ed è quello che è successo nel finale, per la gioia degli spettatori. Ho sentito molto parlare di questa serie, e in particolare del finale, che è stato romantico come non mai, dato che si è concluso con questo bacio tanto atteso.

>>>>
>
>
>
>

Foto: sconosciuto / SERIE+

Poi ti sei ritrovato al centro di un altro triangolo amoroso Uberto e Fanny!

Guillaume mi è stato presentato come il ragazzo perfetto: intelligente, bello, in buona forma e che vuole mettere su famiglia con Fanny (Mylène St-Sauveur). Abbiamo quindi capito perché quest’ultimo fosse diviso tra il mio personaggio e il misterioso e attraente tatuatore Hubert (Thomas Beaudoin). Ciò che ho apprezzato di questa serie è che l’autore Richard Blaimert ha mostrato, attraverso Guillaume, il dolore degli uomini, che raramente vediamo in una serie TV.

In quale serie ti sarebbe piaciuto recitare più a lungo?

Orso in campeggio! Quando abbiamo iniziato questo spettacolo, ci è stato detto Orso in campeggio era il nuovo In una galassia vicino a te, uno spettacolo per bambini che mi ha fatto venire voglia di diventare un attore. Il pubblico era lì, i giovani ci fermavano per strada per parlarci dello spettacolo. È stata una delle mie più grandi esperienze di ripresa di sempre! Il mio unico rammarico è che lo spettacolo sia terminato dopo una sola stagione, quando il canale Vrak ha smesso di produrre spettacoli per bambini.

>>>>
>
>
>
>

Foto: sconosciuto / VRAK

Hai interpretato Max Squadra 99. Raccontaci una scena memorabile nei panni di questo agente di polizia.

La prima che mi viene in mente è una scena nel Vecchio Quebec girata di notte, durante la reclusione. È stata una sensazione davvero strana, avevamo l’impressione di essere soli al mondo! Inoltre, la scena prevedeva di lanciarsi spray al peperoncino in faccia. Non preoccuparti, era solo acqua, ma dovevi urlare come se fosse la fine del mondo! Guy (Jodoin) e io ci siamo sentiti davvero fortunati a vivere insieme qualcosa di così folle!

In questo momento possiamo vederti nella seconda stagione di Bestia nerache affronta un tema piuttosto delicato: l’infanticidio.

Effettivamente. Interpreto un padre recentemente separato. La sua vita viene sconvolta quando scopre che la sua ex moglie ha avvelenato i loro due figli, di sette e quattro anni. Il più vecchio sopravvive, ma il ragazzo muore. Il mio personaggio deve quindi accompagnare sua figlia ancora in vita, e allo stesso tempo vivere il lutto della sua figlia più piccola. Io, che ora sono padre, ho capito immediatamente, anche visceralmente, leggendo le scene, cosa ha provato questo padre dopo aver perso suo figlio.

>>>>
>
>
>
>

Nello stesso periodo in cui giravi, interpretavi un uomo che torturava i cani Con il cuore che batte.

Dì a te stesso che, anche se queste scene sono dolorose da guardare, sono divertenti da interpretare, perché è quello che vuoi come attore: esplorare emozioni diverse, non importa quanto pesanti possano essere. Il lavoro di un attore consiste nell’intrattenere, ma anche nel far riflettere su questioni sociali, come in Bestia nera E Con il cuore che batte.

GUARDA ANCHE:

-

PREV “Mi trovo facilmente”: questo il timore che ha Adeline Toniutti nei confronti del suo ex violento
NEXT Sai cosa ? districhiamo la verità dalla menzogna delle miniere di carbone per il 40° anniversario del museo Lewarde