di Emily Dickinson”: la grande poetessa americana in un’antologia illustrata dalla pittura modernista americana

-

Emily Dikinson è l’equivalente femminile e contemporaneo del poeta Walt Whitman, abitato da un mondo interiore che colmava la sua solitudine desiderata, coccolata, fantasiosa di una natura glorificata

France Télévisions – Editoriale Cultura

Pubblicato il 22/04/2024 11:12

Tempo di lettura: 1 minuto

type="image/avif">>>>
“Poesie – di Emily Dickinson”: libro in scatola (2023). (EDIZIONI DIANE DE SELLIERS)

Soprannominata la “reclusa di Amherst” (Massachussetts), la poetessa Emily Dikinson (1830-86) condivide con Walt Whitman (1819-92) un approccio trascendentale al mondo, al di là della religione, dove la poesia trae dalla natura la sua spiritualità.

Senza arrivare al paganesimo, l’impronta del gigantismo paesaggistico americano conferisce alla poesia di Emily Dickinson una dimensione mistica.

Pubblicato da Belles Editions Diane de Selliers e tradotto da Françoise Delphy, “Poésies – d’Emily Dickinson” trova nelle sue pagine, che alternano testi e dipinti di Georgia O’Keeffe, Grant Woot, Edward Hooper e molti altri, corrispondenze fruttuose. Una trasfigurazione della realtà che, con Emily Dickinson, passa dal concettuale allo spirituale, dalla parola alla pittura.

Dopo Walt Whitman, Emily Dickinson condivide con lo scrittore Howard Philip Lovecraft l’attributo di “recluso”, lui originario della città di Providence (Rhode Island), noto per le sue opere fantastiche e anche poeta. Il loro punto in comune finisce qui. Ma questa solitudine volontaria (colmata da una ricca corrispondenza) offre loro in comune un’apertura al mondo.

type="image/avif">>


Dipinto di Charles Burchfield

>
>

Dipinto di Charles Burchfield

Dipinto di Charles Burchfield “Butterfly Festival” illustrante l’opera “Poetry of Emily Dickinson” 1956, acquerello su carta, 94 × 66 cm Collezione privata (Archivi Burchfield Penney)

Questa condivisione del mondo interiore con gli altri attraverso la scrittura e la pubblicazione, quasi inesistente durante la sua vita, trova finalmente, per Emily Dickinson, la sua consacrazione nelle scelte di questa antologia, tra centinaia di poesie, e nella qualità editoriale di questo bellissimo libro. Per quanto riguarda un poeta americano, difficilmente pensiamo a un equivalente francese contemporaneo, come George Sand romanziere.

I temi di Emily Dickinson sono intimi: il giardino familiare punteggiato di fiori e “l’amante per tutta l’eternità” che evoca Il Romanzo Della Rosa. Ma emerge anche il macabro, come in Edgar Poe, e nei salmi evangelici, essendo il nesso spiritualista. Le poesie bilingui si riflettono nei colori delle opere di Georgia O’Keefe, Helen Torr o Edward Hopper, come se fossero complementari, in un dialogo moderno, a cento anni di distanza. Una bellissima armonia editoriale tra poesia e pittura, sontuosa e onirica.

Poesie – di Emily Dickinson
Tradotto da Françoise Delphy
Edizioni Diane de Selliers
€250

-

PREV VIDEO – Vi portiamo al Museo Dobrée di Nantes prima della sua apertura questo sabato
NEXT “La giovane donna con l’ago”, una piccola e crudele storia di sopravvivenza