Laurence Boccolini vola in aiuto di Renaud

Laurence Boccolini vola in aiuto di Renaud
Laurence Boccolini vola in aiuto di Renaud
-

Da diversi mesi Renaud è tornato sul palco con un tour intimo intitolato “Dans mes cordons”, che toccherà Zurigo e Basilea il prossimo settembre. E regolarmente i video delle sue performance pubblicati sui social network alimentano un vecchio dibattito: dovrebbe smettere? Sì, secondo l’attrice Isabelle Mergault che, qualche giorno fa, ha descritto su X come “patetiche” le immagini di un concerto ad Agen in cui le parole dell’artista francese, 71 anni, erano impercettibili.

Laurence Boccolini non ne può più di queste critiche. La conduttrice televisiva è corsa in aiuto dell’autrice di “Mistral Gagner” lanciando uno sfogo sul suo account Instagram domenica 21 aprile.

“Vergogna a chi osa insultare Renaud. Sei patetico. Uccidi i poeti prima che muoiano perché non soddisfano più i tuoi standard di perfezione? Se è così difficile da guardare, allora non guardare!” lei scrive.

Laurence Boccolini ci chiede di “lasciarlo cantare, anche male”, aggiungendo che “dietro questo caos resta un lavoro incredibile”. E per concludere con un “vaffanculo ai critici senza cuore”.

Il giorno prima, era stato il fotografo Christophe Mourthé, amico di Renaud, a rivolgersi alla critica. “Li sto facendo incazzare”, ha detto in “Face à Hanouna”, su C8. Prima di spiegare: “Deve cantare perché è la sua vita. Se Renaud non canta, muore. È chiaro e chiaro. (…) Sono stanco delle persone che attaccano l’alcol perché è una malattia. Non è un vizio”.

-

PREV Costa d’Avorio/Observer in carcere: “È completamente dimagrito”, emergono le rivelazioni (video)
NEXT Les Variations, il gruppo che ha fatto brillare il rock marocchino nel mondo