varianti più trasmissibili e maggiori ricorsi

varianti più trasmissibili e maggiori ricorsi
varianti più trasmissibili e maggiori ricorsi
-

Secondo Public Health France, da otto settimane sono in aumento i ricorsi per sospetto Covid-19. A Bordeaux, SOS Medici osserva un aumento del 5% di test positivi anche se questa ripresa rimane moderata.

Il coronavirus è tornato? In ospedale o nella medicina di comunità, “ricorso per sospetto di COVID-19 continuare il loro aumento per otto settimane”, anche se rimangono ancora modesti, osservate Sanità pubblica Francia. Sul versante bordolese, anche Karl Moliexe, portavoce di SOS Medici, rileva un aumento dal 3 al 5% dei test positivi, “che rappresenta 30 casi positivi al giorno, in tutti gli ambulatori”.

Questo mercoledì, 19 giugno, i pazienti si susseguono e si affidano ai tradizionali test di screening. Dai primi sintomi, bmolti spesso iniziano andando dai loro farmacisti, che assistiamo allo stesso scenario da diverse settimane. “Le persone iniziano con un raffreddore abbastanza normale, poi a volte una perdita del gusto e dell’olfatto”, rileva Nicolas Martial, dottore in farmacia a Bouscat, a Bordeaux.

Vediamo che la maggior parte dei contagi avviene in riunioni, seminari, riunioni familiari… È il grande classico.

Nicola Marziale

farmacista

La spiegazione, secondo SOS Medici, sta nella ripresa della vita comunitaria dopo un periodo ricco di giorni festivi e ferie, correlati con “una stagione meteorologica” particolare, che alterna temperature calde e fredde. “Forse c’è anche negligenza da parte di persone che non hanno ancora indossato la maschera nella loro pratica in caso di malattia, osserva Karl Moliexe. Tutto ciò favorisce la diffusione del virus”.

SOS Medici Bordeaux segnala 30 casi positivi al giorno, in tutti gli studi di consulenza.

© Francia 3 Aquitania

Interviene anche il professor Denis Malvy, specialista in malattie infettive dell’Ospedale universitario di Bordeaux “piccola ripresa epidemica” a livello nazionale, europeo e persino globale, al quale la Nuova Aquitania non fa eccezione. “Le cose non stanno andando molto bene in ospedale e questa è una buona cosa, specifica. Ciò significa che non ci sono molti casi gravi, la maggior parte avviene in città.”

A livello nazionale, la Sanità Pubblica Francia rileva, invece, un aumento “sempre più marcato”, altrettanto per le visite d’urgenza (+52% in una settimana) che a SOS Medici (+51%, con 1.507 interventi dal 3 al 10 giugno). IL ricoveri e i decessi sono diminuiti in modo significativo, grazie all’alto livello di immunità acquisite attraverso vaccinazioni o infezioni.

Nonostante le campagne di vaccinazione, i ricercatori si trovano ad affrontare sviluppi in sottovarianti di SARS-CoV-2, più trasmissibile. La variante Omicron a volte si diffonde in modo invisibile con molti casi asintomatici. “Per 8 settimane, la sottovariante KP.2 ha preso il posto delle precedenti, sviluppa il prof. Denis Malvy. Non è più patogeno, ma più trasmissibile. Il virus passerà da un individuo all’altro, ma nella maggior parte dei casi lasciando le persone asintomatiche.

Se dal maggio 2023 l’Organizzazione Mondiale della Sanità non considera più il pandemia come emergenza sanitaria globale, lo ricorda regolarmente SARS-CoV-2 “continua a circolare e ad evolversi”. Resta il rischio di una variante più pericoloso.


Il professor Denis Malvy, specialista in malattie infettive e capo dell’unità di malattie tropicali dell’Ospedale universitario di Bordeaux.

© Francia 3 Aquitania

“Il virus Covid-19, cominciamo a conoscerne le abitudini, si sostituisce con maggiore trasmissibilità, spiega lo specialista in malattie infettive. “Trasmissibilità significa fuga immunitaria, il che significa che dopo un’infezione selvaggia o un vaccino con un prototipo abbastanza vecchio, saremo un po’ meno protetti dalla trasmissione.”

Da metà aprile è iniziata una nuova campagna, mirata agli over 80 e ai più vulnerabili iniziato in Francia. I ricercatori proporranno, per l’inizio dell’anno scolastico autunnale e l’inizio del periodo invernale, un vaccino più adatto, indica il professor Denis Malvy. Questo vaccino sarà probabilmente associato a quello dell’influenza”.

Avremo quindi un doppio beneficio, un vaccino contro il Covid-19 ringiovanito, e un vaccino contro l’influenza che continuerà a causare più morti nel 2024.

Il professor Denis Malvy

Specialista in malattie infettive presso l’Ospedale Universitario di Bordeaux

“Il mondo ha acquisito, naturalmente attraverso l’infezione selvaggia o attraverso il vaccino, un’immunità relativa, nota. Sappiamo che non rimaniamo protetti a lungo: il vaccino fornisce soprattutto un beneficio in termini di rischio di sviluppare malattie gravi.”

Per ora i sintomi rimangono gli stessi. “Naso chiuso, mal di gola, dolori muscolari”, riassume Karl Moliexe, portavoce di SOS Medici a Bordeaux. Per noi è una forma attenuata, dà sintomi violenti nei primi tre, quattro giorni e più nella settimana come prima.

Se dice SOS Medici “parè” con la lieve ripresa dell’epidemia, temono però “una vera mutazione e una nuova difficile epidemia”.

-

PREV Recensioni predatorie | Quando i Pokémon causano il COVID-19
NEXT Covid-19: la Corte di Giustizia dell’Ue critica la Commissione europea per mancanza di trasparenza