È Covid, allergie primaverili o raffreddore? Il dottor Gérald Kierzek ci illumina

È Covid, allergie primaverili o raffreddore? Il dottor Gérald Kierzek ci illumina
È Covid, allergie primaverili o raffreddore? Il dottor Gérald Kierzek ci illumina
-
Notizia

pubblicato su 27/05/2024 alle 15:26
Aggiornato 27/05/2024 alle 15:26

Lettura 2 minuti.

in collaborazione con

Dr Gérald Kierzek (Direttore medico di Doctissimo)

Non riesci a smettere di tirare su col naso, tossire o starnutire anche se è primavera? Come fai a sapere se si tratta di un’allergia stagionale, di un raffreddore o di un’infezione da Covid? Il dottor Gérald Kierzek, direttore medico di Doctissimo, spiega le differenze a cui prestare attenzione.

Naso che cola, gola irritata, brividi… Anche se l’inverno è finito da tempo, ti ritrovi a consumare fazzoletti di carta tutto il giorno. Ma da dove nasce questa sensazione? È il sintomo di un’allergia ai pollini, di un raffreddore o del Covid che sta irrompendo nelle nostre vite? Perché in ogni caso è spesso il naso ad essere colpito! Per saperlo con certezza (e sapere quale trattamento scegliere), abbiamo rivolto la domanda al dottor Gérald Kierzek, medico d’urgenza e direttore sanitario di Doctissimo. Come differenziarli?

Raffreddore, covid o allergia: sintomi simili, ma alcune differenze

Per il nostro esperto è infatti possibile confondere le diverse condizioni, perché presentano sintomi simili (come doversi soffiare il naso regolarmente!). Tuttavia, piccole differenze possono indirizzarti sulla strada.

  • Il Covid 19 è generalmente caratterizzato da febbre, tosse secca, affaticamento, perdita del gusto/olfatto e difficoltà respiratorie nei casi più gravi;
  • Lo “schioccato freddo”, o raffreddore, causerà naso che cola, tosse, mal di gola, febbre lieve e talvolta dolori muscolari;
  • Infine, le allergie causano naso che cola, starnuti, prurito e lacrimazione.

Inoltre, il Covid può causare anche disturbi di stomaco, provocando nausea, vomito e diarrea, che solitamente non sono associati ad allergie. Per quanto riguarda le allergie, si riconoscono dai sintomi “secchi”, cioè dalla tosse che non produce muco.

“Per Covid-19, la differenza fondamentale sta nel perdita del gusto/olfatto, assente per allergie e colpi di freddo. Ma un test virologico può confermare il Covid-19.” ricorda il nostro esperto.

Tre diversi trattamenti per superare il disagio

Se è importante conoscere l’origine dei tuoi disturbi, è da un lato per proteggere chi ti circonda se necessario, ma anche per indirizzarti verso la giusta cura. Tuttavia, questo differisce a seconda della causa, come sottolinea il nostro esperto:

  • “Per il Covid 19 non esiste una cura specifica” richiama il nostro esperto “ma la gestione dei sintomi. E soprattutto isolamento obbligatorio”.
  • Per combattere le allergie, invece, è consigliato l’uso di antistaminici (o eventuali desensibilizzazione). “Si tratta anche di evitare l’esposizione all’allergene.”
  • Per quanto riguarda l’ondata di freddo, risponde al solito trattamento, qualunque sia la stagione: “Sedativi della tossedecongestionanti, antidolorifici in caso di febbre e riposo”.

-

NEXT “Le imprese del paesaggio sono soggette a rinvii e sospensioni dei lavori”, (Unep)