La morte di Raphael André è avvenuta quando i rifugi sono stati interrotti dalla pandemia

La morte di Raphael André è avvenuta quando i rifugi sono stati interrotti dalla pandemia
La morte di Raphael André è avvenuta quando i rifugi sono stati interrotti dalla pandemia
-

Nelle settimane precedenti la morte di Raphael Napa André, trovato morto in una toilette chimica a Montreal nel gennaio 2021, due rifugi di Montreal che accoglievano indigeni senzatetto hanno subito gravi epidemie di COVID-19, che hanno interrotto i loro servizi.

Le stazioni calde erano luoghi importanti per la trasmissione del COVID-19, ha riferito il DD Mylène Drouin, direttrice regionale della sanità pubblica per la regione di Montreal, che ha testimoniato mercoledì all’inchiesta pubblica del medico legale sulle circostanze della morte degli Innu, morti di ipotermia nel 2021.

Nelle ultime tre settimane di dicembre 2020, il numero dei contagiati tra i senzatetto è stato così elevato che sono mancati i posti nella “zona rossa” allestita presso l’ex Royal Victoria Hospital.

Nei giorni successivi alla scoperta di un primo caso di COVID-19 al rifugio La Porte Ouvert, il 10 dicembre 2020 – risorsa frequentata da Raphael Napa André – i contagi si sono rapidamente moltiplicati, ha sottolineato il D.D Carole Morissette, consulente medico per il settore prevenzione e controllo delle malattie infettive presso il CIUSSS du Centre-Sud-de-l’Île-de-Montréal. Il 18 dicembre, 11 dei 20 dipendenti del rifugio sono stati infettati dal virus. Lo stesso giorno si è verificata una grave interruzione dell’acqua, che ha comportato il trasferimento delle attività dell’organizzazione al Chrome Hotel.

«Il 2 gennaio eravamo preoccupati perché avevamo un tasso di positività intorno al 70%. Quindi è stata davvero un’epidemia molto, molto grande”, ha commentato il DD Morissette.

Intorno al 13 gennaio 2021, la Direzione Regionale della Sanità Pubblica (DRSP) ha emesso un avviso che autorizzava La Porte Ouverte a riprendere le sue attività a condizione che le misure di alloggio fossero aumentate. Le autorità hanno richiesto in particolare che vengano utilizzati letti indipendenti, anziché materassi sul pavimento, e che nel dormitorio siano installate pareti divisorie, ha spiegato il D.D Carol Morissette. Tuttavia, ha affermato che il DRSP non ha imposto orari specifici al centro.

Martedì, il coordinatore del centro La Porte Ouvert, John Tessier, ha sostenuto che per rispettare le direttive DRSP il centro doveva chiudere i battenti alle 21, cosa che ha costretto i senzatetto, tra cui Raphael Napa André, a lasciare i locali. ogni sera.

Allo stesso tempo, intorno alle vacanze di Natale del 2020, si è verificata un’importante epidemia di COVID-19 anche nel rifugio dei Projets Autochtones Québec (PAQ-2). Poiché più della metà del personale risultava contagiato, si era presa in considerazione la chiusura del rifugio, indica il DD Morissette. Tuttavia, ha chiarito che il DRSP non richiede lo screening di tutti gli utenti dei rifugi.

Abitudini disturbate

Durante la pandemia sono state emanate numerose direttive ministeriali per ospedali, CHSLD e scuole, ma poiché non erano adatte all’ambiente dei senzatetto, il DRSP ha dovuto sviluppare procedure adeguate per questa popolazione vulnerabile. “Ci sono cose che sono accadute rapidamente”, ha detto Mylène Drouin. Ha ricordato in particolare che, quando è stato decretato il coprifuoco, si sono svolte discussioni con il Dipartimento di Polizia della Città di Montreal affinché gli agenti di polizia mostrassero tolleranza nei confronti dei senzatetto.

La pandemia ha sconvolto le abitudini dei senzatetto già fragili facendo loro perdere l’orientamento, ha riferito martedì Jonathan Lebire, ex coordinatore del PAQ-2. Alcuni senzatetto hanno iniziato a fare uso di droghe, ha detto durante la sua testimonianza.

L’inchiesta pubblica del coroner, che si sta svolgendo presso il tribunale di Longueuil, continua giovedì.

Da vedere in video

-

PREV una denuncia di Valletoux contro un ex direttore dell’Ars per le sue osservazioni sui vaccini anti-Covid
NEXT Foix. Léo formazione a sostegno degli anziani