A Singapore rinnovamento di facciata con il nuovo primo ministro Lawrence Wong

A Singapore rinnovamento di facciata con il nuovo primo ministro Lawrence Wong
A Singapore rinnovamento di facciata con il nuovo primo ministro Lawrence Wong
-

Dopo 20 anni al potere, Lee Hsien Loong passa il testimone al nuovo Primo Ministro di Singapore, Lawrence Wong. Quest’ultimo, 51 anni, atteso da quasi due anni, è diventato ufficialmente, ieri, il quarto leader del Paese, in quasi 60 anni dall’indipendenza della nazione.

Il percorso professionale di Lawrence Wong è atipico: formatosi in un’università americana grazie a una borsa di studio, ha ricoperto diversi incarichi ministeriali, tra cui quello della Salute, dove ha acquisito una solida reputazione durante la pandemia di Covid-19.

Un equilibrio delicato

Singapore, un piccolo stato insulare a sud della Malesia con 5,6 milioni di abitanti, è un gigante economico nel sud-est asiatico. Il suo modello economico, basato sul commercio e sulla finanza internazionale, lo ha reso uno dei paesi più ricchi della regione. Questa prosperità si basa su un delicato equilibrio tra le sue alleanze internazionali e la sua delicata posizione geopolitica.

Il sistema politico di Singapore, pur presentandosi come democratico, è caratterizzato dal dominio quasi totale del Partito d’Azione Popolare (PAP). Questo controllo politico è accompagnato da un rigido sistema giudiziario, che limita la libertà di espressione e reprime ogni forma di dissenso.

Tuttavia, il PAP ha recentemente sperimentato una leggera erosione della sua base nelle elezioni legislative del 2020. Questa nomina offre a Wong l’opportunità di rafforzare la legittimità del governo e rispondere alle crescenti aspettative di democrazia e diritti individuali. Ciò si verificherà nelle prossime elezioni: se la maggioranza otterrà un punteggio inferiore al 60%, si aprirà la strada al bipartitismo.

La sfida: le prossime elezioni

L’era Lee non è del tutto finita perché Lee Hsien Loong non se ne va: resterà al governo con il titolo di ministro senior, proprio come i suoi predecessori. Ma se non stiamo parlando di una rivoluzione di palazzo, dobbiamo comunque sottolineare che si tratta di un nuovo capitolo nella storia di Singapore che inizia con le sfide per il nuovo Primo Ministro.

A partire dalle prossime elezioni: se la maggioranza dovesse ottenere un punteggio inferiore al 60%, si aprirebbe la strada al bipartitismo. Infine, Lawrence Wong deve anche dimostrare di avere le capacità di un forte primo ministro, quando in un recente sondaggio meno di un terzo dei singaporiani lo considerava un leader forte.

-

PREV L’ospedale geriatrico Broca AP-HP festeggia il suo 40° anniversario
NEXT Covid-19: una nuova variante, soprannominata “FLiRT”, attentamente monitorata negli Stati Uniti e in Europa