AstraZeneca ritira il suo vaccino contro il covid di fronte al “calo della domanda”

AstraZeneca ritira il suo vaccino contro il covid di fronte al “calo della domanda”
AstraZeneca ritira il suo vaccino contro il covid di fronte al “calo della domanda”
-

L’Autorità europea per i medicinali, l’EMA, ha scritto martedì sul suo sito web che l’autorizzazione alla vendita per Vaxzevria è stata ritirata “su richiesta del titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio”, vale a dire il laboratorio farmaceutico. Il gruppo “lavorerà inoltre con altri regolatori in tutto il mondo per avviare il ritiro delle autorizzazioni all’immissione in commercio per Vaxzevria laddove non è prevista una futura domanda per il vaccino”.

Costante calo

Nel suo comunicato stampa, AstraZeneca ha affermato di voler “concludere questo capitolo”. Una fonte vicina ad AstraZeneca ha detto all’AFP che “non ci sono state vendite da tempo”.

Trova il nostro dossier La crisi del Covid-19, il punto di svolta

“Siamo incredibilmente orgogliosi del ruolo che Vaxzevria ha svolto nel porre fine alla pandemia”, aggiunge il comunicato stampa, in cui si afferma che “secondo stime indipendenti, più di 6,5 milioni di vite sono state salvate solo nel primo anno di utilizzo del siero, ‘e più di tre miliardi di dosi sono state distribuite in tutto il mondo’.

Se gli utili di AstraZeneca sono balzati del 21% su base annua nel primo trimestre, trainati soprattutto dalle vendite oncologiche, il gruppo segnala da mesi un calo costante delle vendite di farmaci legati al covid, proprio come la sua rivale GSK, che era stata in gran parte rimasti indietro nella corsa per sviluppare un vaccino.

Sospetti di rischio di trombosi

Questo vaccino, uno dei primissimi sul mercato anche se i sieri non erano la specialità di AstraZeneca, aveva subito diversi intoppi, compreso il via libera alla commercializzazione che non è mai arrivato negli Stati Uniti. Ha riscontrato problemi di parto anche in Europa, oltre al sospetto di un aumento del rischio di trombosi a seguito di diversi decessi.

AstraZeneca afferma di aver aggiornato le informazioni su Vaxzevria nell’aprile 2021, con l’accordo dell’ente regolatore britannico MHRA, per includere la possibilità che possa scatenare trombosi in rari casi.

A partire da marzo 2021: Cinque domande sulle sospensioni del vaccino AstraZeneca

Il Regno Unito, che per primo si è affidato a Vaxzevria all’inizio della sua campagna di vaccinazione anti-covid, lo ha poi sostituito con sieri concorrenti.

Il gruppo ricorda regolarmente che gli enti regolatori e i vari stati che hanno autorizzato il vaccino hanno stimato che “i benefici della vaccinazione eclissano ampiamente i rischi di effetti collaterali estremamente rari”.

-

PREV Una nuova variante “FLiRT” monitorata da vicino negli Stati Uniti e in Europa
NEXT Gli ospedali Trousseau e Tenon AP-HP sono i primi a firmare la carta dell’eco-maternità