IL SUPPLEMENTO DEL SABATO La salute mentale dei giovani, le difficoltà di cura E il calvario dei migranti sub-sahariani in Tunisia

-

La salute mentale dei giovani, le difficoltà di cura

È diventato un fatto sociale, in Francia, anche altrove. I giovani stanno male, la salute mentale si sta deteriorando, compresa la depressione in età sempre più precoce. E la crisi sanitaria legata al Covid ha accelerato tutto. Nel nord della Francia sono aumentate le visite al pronto soccorso per gesti e pensieri suicidi, le consultazioni per disturbi d’ansia e ansia tra le persone dai 10 anni in su.

Nel 2021 i tentativi di suicidio tra i giovani sono stati addirittura 4 volte superiori alla media nazionale. Un deterioramento della salute mentale che si scontra con un deterioramento del settore psichiatrico, in crisi da diversi anni.

Un ottimo resoconto di Lise Verbeke che parla con Patrick Adam.

type="image/webp">>
Dall’inizio della crisi del Covid-19, i disturbi psichiatrici sono esplosi tra gli adolescenti. © iStock/pixelfit

Il calvario dei migranti subsahariani in Tunisia

Era l’anno scorso (2023), il presidente tunisino attaccava i migranti, stabiliti o di passaggio in Tunisia. Commenti a cui sono seguite settimane di violenza anti-nera culminate, durante l’estate del 2023, con la deportazione di centinaia di migranti nelle zone desertiche o ai confini con l’Algeria e la Libia. Senza acqua, senza cibo e in piena estate. Oggi ci sono meno migranti nelle grandi città della Tunisia, ma le tensioni sono scomparse?

Un bellissimo reportage di Amira Souilem che intervista Patrick Adam.

type="image/webp">
>
In un uliveto di El Amra, a una trentina di chilometri da Sfax (Tunisia), migliaia di migranti sub-sahariani sbarcare il lunario in attesa di salpare per l’Europa. ©Amira Souilem/RFI

-

PREV Mallia ripercorre il suo adattamento a Tolosa: “Non sapevo nemmeno come dire ciao in francese”
NEXT COLLOQUIO. Febbre di Lassa: “Il potenziale epidemico è vicino allo 0 in Francia Non sarà mai come il Covid-19”