un uomo muore dopo 613 giorni di contaminazione da Covid-19

un uomo muore dopo 613 giorni di contaminazione da Covid-19
un uomo muore dopo 613 giorni di contaminazione da Covid-19
-

È stato contaminato per più di un anno e mezzo. Nei Paesi Bassi, un uomo di 72 anni è stato infettato dal SARS-CoV-2 per 613 giorni. Il suo caso è oggetto di uno studio scientifico, che sarà presentato a Barcellona, ​​durante il Congresso della Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (ESCMID), dal 27 al 30 aprile. Questa infezione persistente è collegata a una deficienza immunitaria nel paziente, derivante da una malattia del sangue. Per gli scienziati, questo caso fa temere la comparsa di nuove varianti, in grado di eludere il sistema immunitario.

Covid-19: un’infezione prolungata legata a una deficienza immunitaria

Mentre i pazienti sani infetti da SARS-CoV-2 possono eliminare il virus in pochi giorni o addirittura settimane, una persona immunocompromessa può sviluppare un’infezione persistente con replicazione e progressione virale prolungate, spiegano gli autori. Ad esempio, si ritiene che l’emergenza iniziale della variante Omicron abbia avuto origine in un individuo immunocompromesso”. In questo caso recente, l’uomo di 72 anni è stato ricoverato in ospedale nel febbraio 2022 a seguito di infezione da SARS-CoV-2. A causa di una malattia del sangue, per la quale ha ricevuto un trapianto di cellule staminali, il paziente è stato considerato immunocompromesso. “Ciò è stato complicato dallo sviluppo di un linfoma post-trapianto per il quale ha ricevuto rituximab che esaurisce tutte le cellule B disponibili, comprese quelle che normalmente producono anticorpi contro SARS-CoV-2”., specificare gli autori. Prima di questa ammissione, l’uomo aveva ricevuto diverse iniezioni di vaccino, ma il suo sistema immunitario non aveva risposto.

Covid-19 e immunodeficienza: 613 giorni di contagio e diversi ricoveri

Dal primo rilevamento del virus nel suo corpo, fino alla sua morte, sono trascorsi 613 giorni. Gli scienziati hanno osservato diversi casi di infezioni della durata di diverse centinaia di giorni, ma questo caso costituisce il periodo di infezione più lungo osservato. “I 613 giorni successivi al rilevamento iniziale di SARS-CoV-2 sono stati caratterizzati da molteplici episodi sintomatici correlati e non correlati alla SARS-CoV-2, che hanno richiesto ricoveri ospedalieri., indicano gli scienziati. Il suo sistema immunitario non è riuscito a eliminare il virus, nonostante i vari trattamenti.

Infezione prolungata da Covid-19: aumento delle mutazioni del virus

Soprattutto, il virus si è evoluto nel suo corpo. I 27 test PCR effettuati hanno evidenziato più di 50 mutazioni, rispetto alla variante iniziale. “L’infezione prolungata ha portato all’emergere di una nuova variante immuno-evasiva a causa dell’ampia evoluzione all’interno dell’ospitesi sviluppano. Alla fine, il paziente è morto a causa di una ricaduta nel suo stato ematologico dopo essere rimasto positivo al SARS-CoV-2 con un’elevata carica virale per un totale di 613 giorni. Fortunatamente, non è stata documentata la trasmissione della variante altamente mutata a casi secondari nella comunità..”

Per gli scienziati è essenziale monitorare le infezioni persistenti nelle persone immunocompromesse per ridurre il rischio che compaiano mutazioni virali. “La durata dell’infezione da SARS-CoV-2 in questo caso descritto è estrema, ma le infezioni prolungate nei pazienti immunocompromessi sono molto più comuni che nella comunità generale, avvertono. (…) Tuttavia, dal punto di vista del grande pubblico, le infezioni prolungate rimangono rare, perché la popolazione immunocompromessa rappresenta solo una percentuale molto piccola della popolazione totale.”

-

NEXT Vaccino anti-Covid-19 – Vittima di infortuni ripetuti, un giocatore della Laval in “vagabondaggio medico” porta Pfizer in tribunale