Luc Guérin segnerà i suoi 20 anni di coppia in un modo molto speciale

Luc Guérin segnerà i suoi 20 anni di coppia in un modo molto speciale
Luc Guérin segnerà i suoi 20 anni di coppia in un modo molto speciale
-

Luc Guérin ha accettato di recitare nella nuova serie Société distinte perché è rimasto sedotto dall’originalità della sceneggiatura. Ma il simpaticissimo e bravissimo attore ha più di un motivo per festeggiare quest’anno!

• Leggi anche: Bruno Pelletier ritorna in TV in questa serie

• Leggi anche: Maude Guérin rivela con quali attori le piacerebbe lavorare

Luc, chi è Raymond, il tuo personaggio in Société distinte?

È il padre di Marc, il personaggio di Antoine Pilon, e di Gabriel (Loham Sauvé), scomparso 15 anni fa.

Raymond è dunque l’ex di Micheline, interpretato da Maude Guérin?

Esattamente. La scomparsa di Gabriel ha causato la loro separazione, perché Micheline ha una spiegazione dell’evento che non corrisponde ai principi di Raymond. È più semplice, ma rimane amorevole. Il mio personaggio non è molto presente, ma ho accettato di prendere parte al progetto dopo aver letto la sceneggiatura, perché Benoit Larch, sceneggiatore e regista della serie, arriva con una proposta diversa da qualsiasi altra cosa.

A proposito, quando riprenderai le rappresentazioni di Broue?

Solo a settembre. A questo seguirà a dicembre il mio ritorno a La famiglia Addams, questa volta in Quebec. Per le nuove esibizioni a Montreal, a partire da ottobre, sarà Bryan Audet a interpretare Gomez, non io. Quindi nel frattempo trascorrerò un’estate tranquilla. Sto infatti lavorando ad un progetto previsto per il 2025; Non vedo l’ora di parlarne, è qualcosa di nuovo per me. Ma lavoro a casa, quindi potrò prendermi cura dei miei bonsai, una passione che mi accompagna da circa vent’anni. Ne ho circa quindici e seguo la formazione al Bonsaï Gros Bec di Saint-Alphonse-Rodriguez. È magnifico! Consiglio anche alle persone di visitare il posto quest’estate.

Quest’anno festeggi diversi compleanni.

Sì, compresi 40 anni di esperienza. Mi sono diplomato alla National Theatre School nel 1984. Questo fa il punto.

L’anniversario che festeggerai il prossimo novembre, i tuoi 65 anni, ti incoraggia anche a redigerne qualcuno?

Quanto vecchio? Non ho età! (sorride) Non lo nego, ma l’età mi dà sui nervi, perché trovo che crei programmazione. “Ho 50 anni, quindi sto facendo questo. Ho 60 anni, quindi sono fatto così. No, e ringrazio il mio lavoro perché mi ha mantenuto molto giovane, sia mentalmente che fisicamente. È divertente, perché quando lavoro con i bambini dico sempre che sto con persone della mia età. (ride) Il mio lavoro è ancora un gioco per me, e voglio che duri a lungo per stare lì con le persone che amo.

Un altro anniversario importante: la vostra storia d’amore con Catherine Sénart compie ormai 20 anni. Lo sottolineerai?

Forse è un piccolo viaggio.

Dove?

A New York, per vedere alcuni spettacoli, tra cui il Moulin Rouge. Probabilmente festeggeremo così il nostro anniversario. Potrebbe sembrare banale, ma io e la mia ragazza festeggiamo da 20 anni. In quasi tutte le nostre cene ci sono le candele. Siamo molto fortunati ad avere l’altro e abbastanza intelligenti da rendercene conto. Ho avuto i miei figli con la mia prima moglie e direi che c’erano delle cose che non hanno funzionato. Sono andato in terapia. Ho promesso alla vita e a me stesso che avrei imparato ad amare come si deve. La mia separazione non è stata facile e volevo che i miei figli vedessero in seguito che avevo davvero imparato.

Sei romantico?

Sì, sono romantico, non mi vergogno di dirlo. Vedi, il motivo per cui sono così entusiasta di interpretare Gomez Addams in La famiglia Addams è che è un grande amante. Balla il tango ogni giorno con sua moglie.

Quanti figli hai avuto?

Due ragazze. Fanny ha 35 anni e Catou 33.

Sono felici di vederti innamorare oggi?

SÌ. Abbiamo attraversato un momento difficile e nessuno attraversa facilmente una separazione, questo è quello che credo. Durante la terapia volevo che i miei figli vedessero il loro padre felice. Lo apprezzano e il mio rapporto con i miei figli è straordinario.

Che tipo di terapia hai avuto?

Mi sono separata a 44 anni, quindi vedevo regolarmente uno psicologo, direi dai 43 ai 50. Oggi lo vedo ogni tanto. Mi ha salvato.

In quale modo?

Nel senso che lavoravo tanto e stavo a casa poco. Ho dovuto rivedere tutti i miei valori, perché in un certo senso stavo svanendo. Quando lavoriamo molto, sembra che sia il nostro lavoro a definirci. Fortunatamente, quando è arrivata la pandemia, avevo già lavorato un po’ su me stesso. Volevo svilupparmi come essere umano, padre e amante.

Ti sei fatto un bel regalo!

Assolutamente, e lo dico a tutti, fatevi questo regalo. Perché un buon terapista è un interlocutore di prima classe, al quale puoi dire qualsiasi cosa. È così bello Se impariamo a prenderci cura del nostro corpo, forse potremmo anche imparare a prenderci cura della nostra anima. A parte le sfide per la salute, sfide sulle quali non abbiamo alcun controllo, siamo in qualche modo responsabili della nostra condizione. Possiamo aiutarci a vicenda, possiamo cambiare le cose.

I 10 episodi di Distinct Society sono disponibili su Club illico. Per scoprire tutto sulla famiglia Addams, visita lafamilleaddams.com e, per Broue, vai su broue.ca.

GUARDA ANCHE:

-

NEXT Krishen Manaroo: il soffio di vita di un giovane giocatore del “Bansuri”.