VIDEO “Mi vergognavo”: Philippe Katerine, un segreto vergognoso svelato al pubblico e il momento è tutt’altro che ideale…

VIDEO “Mi vergognavo”: Philippe Katerine, un segreto vergognoso svelato al pubblico e il momento è tutt’altro che ideale…
VIDEO “Mi vergognavo”: Philippe Katerine, un segreto vergognoso svelato al pubblico e il momento è tutt’altro che ideale…
-

Il resto dopo l’annuncio

Philippe Katerine è un attore eccezionale. Riuscì ad affermarsi nel cinema attraverso numerosi ruoli secondari, spesso insoliti, a sua immagine. Sia dentro La torre di controllo infernale di Eric Judor (2016), Gufo di Ramzy Bedia (2016), Cos’è questa famiglia?! di Gabriel Julien-Laferrière (2016), Le Petit Spirou di Nicolas Bari, Il Grande Bagno di Gilles Lellouche (2018) o anche Il mondo è tuo di Romain Gavras (2018). Ha vinto anche un César nel 2019.

Ma ricordiamo che è soprattutto un cantante. Lo abbiamo scoperto tutti con il suo successo Luxor, lo adoro nel 2005. E da allora ha toccato questo universo ma rimane appassionato di musica. Inoltre, ha appena pubblicato un nuovo titolo, intitolato Sotto il mio caschetto. Questo è anche ciò che ha giustificato il suo arrivo Quotidiano questo venerdì 14 giugno. “Se solo sapessi quanto siamo felici di vederti!“, gli ha detto Yann Barthès dandogli il benvenuto sul set.

Philippe Katerine fa pesanti confessioni

Hai avuto una settimana difficile?“, ha poi risposto, con il suo tipico umorismo, Filippo Katerine. Quest’ultimo ha poi fatto una sorprendente confidenza al conduttore : “Non ho seguito… Allora ho visto le elezioni, avevo il mio vecchio accappatoio. Ho guardato i risultati e mi sono vergognato. Mi vergogno! Tu sai perché ? Perché non ho mai votato in vita mia! Una bella rivelazione, che ovviamente si riferisce ai risultati degli Europei 2024, caduti domenica scorsa. Ciò dovrebbe infastidire più di una persona alla volta, in un momento in cui la maggior parte degli utenti di Internet si mobilita per incoraggiare gli astenuti a mettere il proprio voto nelle urne.

Al termine della votazione, il presidente Emmanuel Macron ha deciso di sciogliere l’Assemblea nazionale. Invitando così i cittadini a tornare alle urne il 30 giugno e il 7 luglio. Il papà di Billy e Alfred, nati rispettivamente nel 2011 e nel 2012 dalla storia con Julie Depardieu, potrà dunque rifarsi: “Il giorno dopo, cosa ho fatto? Hop, eccoci qui, ID elettore e tutto il resto? Sono cresciuto nella mia testa! (…) Mi sono detto ‘Philippe, hai solo una cosa da fare, iscriviti, vai a votare, è più veloce di un esame del sangue, meno doloroso e più utile’. Ho deciso di unirmi a uno sforzo collettivo.”

-

PREV Luana Belmondo lasciata da Paolo: queste le “testimonianze” che le danno balsamo al cuore
NEXT È morto a 46 anni l’attore Benji Gregory, che interpretava il bambino Brian Tanner in Alf