Pierre eliminato da Non dimenticare il testo e per nulla impressionato dalla cifra intascata: “Non denigro i soldi ma…”

-

Il resto dopo l’annuncio

Da lunedì 10 giugno Non dimenticare i testi trovò il suo posto in onda ogni tardo pomeriggio su France 2. Lo spettacolo era stato cancellato a favore del Roland-Garros. E così è Roccia che gli spettatori hanno avuto il piacere di ritrovare, che ha continuato la sua grande ascesa. Mercoledì, l’insegnante della SVT (scuole medie e superiori) ha compiuto una grande impresa: superare il traguardo dei 150.000 euro!

Contattato rapidamente dai nostri colleghi di TV 7 giorni nel frattempo il Maestro fece confidenze sorprendenti sull’argomento. In effetti, Pietro non ha realmente alcun interesse per l’importo vinto. Il suo obiettivo era altrove. “Quando arrivo a 43.000 euro in 5 vittorie è un inizio incredibile, era già enorme. E dopo è vero che non mi rendo conto della somma di denaro. Non è che sto denigrando i soldi che ho vinto, ma è un po’ più come guadagnare punti extra per andare al Masters. Ci sono dei soldi, ma non so quanto. Già a 117.000 euro l’ho trovato così enorme che non me ne sono accorto. E quando supero i 150.000 euro penso di non accorgermi ancora di aver superato un traguardo (ride)”, ha confidato.

Pierre eliminato da Non dimenticare il testo poco prima di poter realizzare il suo sogno

Purtroppo il suo sogno di unirsi al Masters è svanito giovedì 13 giugno. Di fronte al suo sfidante Michaël, Pierre ha perso. Dopo 27 partecipazioni, se ne va ancora con In tasca 168.000 euro. Un bel viaggio ma nonostante ciò il rammarico di aver mancato la classifica dei migliori candidati dello spettacolo. “È vero che siamo vicini al Master, è un peccato ma se qualcuno il primo giorno mi avesse detto ‘partirai con 168mila euro’, avrei firmato subito. Ho balbettato, ho perso, è la legge, è il gioco (…) Mi sono divertito moltissimo“, ha tuttavia riconsiderato la situazione dopo la sua eliminazione.

-

NEXT Krishen Manaroo: il soffio di vita di un giovane giocatore del “Bansuri”.