Kevin Spacey in rovina (“House of Cards”) scoppia in lacrime in un’intervista mentre parla dei suoi debiti dopo i processi per violenza sessuale

Kevin Spacey in rovina (“House of Cards”) scoppia in lacrime in un’intervista mentre parla dei suoi debiti dopo i processi per violenza sessuale
Kevin Spacey in rovina (“House of Cards”) scoppia in lacrime in un’intervista mentre parla dei suoi debiti dopo i processi per violenza sessuale
-

Nell’agosto 2022, Kevin Spacey è stato condannato a pagare 31 milioni di dollari alla MRC Production, la società di produzione dietro la serie Netflix “House of Cards”, dopo averlo licenziato in seguito ad accuse di molestie sessuali. La produzione aveva infatti chiesto i danni al suo attore principale, dopo essere stata costretta a rinnovare la serie per la sua sesta stagione.

LEGGI ANCHE: “La più grande bugia nella storia della televisione”: la donna dietro My Little Reindeer sporge denuncia contro Netflix e chiede 170 milioni di dollari alla piattaforma

Poi, nell’ottobre 2022, è stato dichiarato non colpevole di aggressioni sessuali negli Stati Uniti. La giuria popolare di un tribunale civile di New York ha poi licenziato l’attore Anthony Rapp, che ha accusato la star di Hollywood Kevin Spacey di averlo sottoposto ad atti sessuali durante una festa nel suo appartamento nel 1986. All’epoca, il film “Star Trek: Discovery” L’attore aveva 14 anni, mentre Kevin Spacey ne aveva 26.

Alla fine, nel luglio 2023, l’attore e regista 64enne è stato nuovamente dichiarato non colpevole dalla giustizia britannica a Londra per violenza sessuale su quattro uomini tra il 2001 e il 2013, quando era direttore del teatro Old Vic di Londra. Uno degli uomini lo accusa addirittura di “drogarlo” e di averlo costretto ad avere rapporti sessuali mentre dormiva.

-

NEXT Krishen Manaroo: il soffio di vita di un giovane giocatore del “Bansuri”.