“Mi sono vista davvero partire”: Pierre Niney rivela di essere quasi morto durante le riprese

-

Il resto dopo l’annuncio

La maggior parte degli attori non esegue le proprie acrobazie, mentre altri spesso corrono questo rischio. Questo è particolarmente il caso di Pierre Niney che si mette regolarmente in situazioni difficili per perfezionare i suoi personaggi.

Il 28 giugno, l’attore francese sarà protagonista di Il conte di Montecristo, film molto atteso in cui condividerà lo schermo insieme a Laurent Lafitte (che, come Pierre Niney, ha deciso di lasciare la Comédie Française) e Anaïs Demoustier. Per questo ruolo, l’artista che ha ricevuto il César come miglior attore nel 2015, ha dovuto restare quattro minuti in apnea, seguendo i preziosi consigli del campione mondiale di apnea.

“Ho visto la luce spegnersi”

Una scena intensa e difficile, che gli ha riportato alla mente un pessimo ricordo sul set del film L’odissea. Nelle colonne di Versione femminilePierre Niney ha detto che pensava che sarebbe morto durante una scena in cui doveva fingere annegare nella cabina di pilotaggio di un idrovolante.

Mentre era legato al fondo di una piscina, l’attore rimase senza ossigeno. Fece quindi segno al subacqueo di sicurezza, ma questi gli voltò le spalle: “Mi sono visto davvero andarmene e lui ha reagito all’ultimo minuto.”

Più paura che danno per l’attore, che non ha smesso di pensare a questo incidente durante una scena in cui era rinchiuso in una borsa zavorrata, sul set di Montecristocome ha confidato ai giornalisti: “Nonostante i subacquei di sicurezza, è stato spaventoso, soprattutto perché venivo da una brutta esperienza in poi l’odissea”.

Standing ovation a Cannes

il conte di Monte Cristo è un film di cappa e spada atteso con impazienza dagli spettatori. Durante l’anteprima al Festival di Cannes, il pubblico ha applaudito scrosciantemente l’intero team per quasi dodici minuti. Un applauso che ha commosso Pierre Niney.

L’attore ha salito le scale della Croisette insieme alla moglie Natasha Andrews, con la quale convive dal 2008. Dalla loro unione sono nate due figlie, Lola nel 2017 e Billie nel 2019. Tutta la famigliola ha sede non lontano da Parigi, vicino a Rambouillet. Vivono in un’affascinante casa risalente al XV secolo. Un’oasi di pace lontana dallo stress delle riprese.

-

NEXT Sandrine Kiberlain traumatizzata da un attacco subito a 17 anni