Pierre Palmade sarà processato per “lesioni non intenzionali”

Pierre Palmade sarà processato per “lesioni non intenzionali”
Pierre Palmade sarà processato per “lesioni non intenzionali”
-

Pierre Palmade ha causato un drammatico incidente nel febbraio 2023, quando assumeva droghe.

AFP

Processo in vista nel caso Pierre Palmade: il comico è stato rinviato in tribunale per lesioni involontarie per il grave incidente stradale provocato lo scorso anno sotto l’effetto di stupefacenti, ha annunciato lunedì il procuratore di Melun.

Il 10 febbraio 2023, su una strada dipartimentale della Seine-et-Marne, Pierre Palmade era alla guida di un’auto che ha colpito un veicolo che precedeva.

Oltre all’attore, nell’incidente sono rimasti gravemente feriti altri tre: un uomo di 38 anni, suo figlio di 6 anni e la cognata di 27 anni, che hanno perso il bambino che aspettava dopo l’incidente. collisione. Il bambino, un feto femmina di sei mesi, del peso di 1,09 kg, era “indiscutibilmente vitale” prima dell’incidente, secondo una perizia medica commissionata dal tribunale.

Il gip incaricato delle indagini ha deferito in tribunale il comico 56enne con l’accusa di lesioni involontarie, aggravate dall’assunzione di farmaci. A lei, però, non è stata imputata la qualifica di omicidio colposo, richiesta dall’accusa per la perdita del feto.

Secondo costante giurisprudenza della Corte di Cassazione, che si è pronunciata su casi simili di incidenti stradali, il bambino che non è nato non esiste come persona.

In stato di recidiva

Un feto quindi non ha esistenza legale e la sua morte non può costituire omicidio colposo per l’automobilista coinvolto.

Pierre Palmade è un recidivo a causa di una condanna nel 2019 per uso di droga.

“A causa di questo stato di recidiva giuridica, Pierre Palmade rischia una condanna a 14 anni di reclusione e una multa di 200.000 euro”, ha dichiarato in un comunicato stampa il procuratore di Melun, Jean-Michel Bourlès.

Contattato dall’AFP, l’avvocato di Pierre Palmade, Me Céline Lasek, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Alla fine di una giornata di febbraio, Pierre Palmade aveva una grande quantità di cocaina e 3MMC (una droga sintetica) nel sangue quando si mise al volante con due passeggeri per fare shopping. La sua ora di gloria è alle spalle, pesantemente indebitato, il comico è così impantanato nella sua dipendenza dalla droga che non è più in grado di lavorare.

Come se si fosse addormentato

Sulla strada dipartimentale 372 nei pressi di Villiers-en Bière, la Peugeot 3008 della sua casa di produzione ha sbandato nella corsia di traffico opposta e si è scontrata frontalmente con la Renault Mégane della famiglia Y., che arrivava nella direzione opposta.

Diversi testimoni affermano di aver visto l’auto di Pierre Palmade prima mordere la fiancata, “come una persona che si addormenta al volante”, poi improvvisamente strattonare il volante nella direzione opposta per riprendersi, cosa che lo avrebbe portato sulla corsia opposta.

Qualunque sia l’esatto svolgimento dell’incidente, di cui l’artista ha detto all’udienza di non avere memoria, “Pierre Palmade ha commesso un errore di guida deviando completamente nella corsia opposta senza correggere la traiettoria”, aveva stimato il pubblico ministero di Melun. ufficio nella sua accusa finale.

Una perizia incidentologica «gli attribuisce esclusivamente la causa dell’incidente».

I familiari feriti soffrono ancora le conseguenze fisiche e psicologiche dell’incidente. Durante la sua prima comparizione davanti al giudice istruttore, Pierre Palmade si è detto “un disastro” per le conseguenze dell’incidente per le vittime.

“Sono ossessionato da questo, dal bambino che è morto (…) Sono pericoloso a causa della droga, sono un bravo ragazzo, sono una brava persona”, ha dichiarato l’artista, che lui stesso ha perso la sua padre in un incidente stradale all’età di otto anni.

(afp)

-

PREV Principe Harry: questa confessione significativa sulla relazione di Archie e Lilibet con Elisabetta II
NEXT “Sono così felice”: una storia d’amore inaspettata: Adriana Karembeu in una relazione con Marc Lavoine