Rafael Nadal: Matrimonio da sogno con la sua fidanzata d’infanzia Xisca, perché gli ci è voluto così tanto tempo per fare il grande passo

Rafael Nadal: Matrimonio da sogno con la sua fidanzata d’infanzia Xisca, perché gli ci è voluto così tanto tempo per fare il grande passo
Rafael Nadal: Matrimonio da sogno con la sua fidanzata d’infanzia Xisca, perché gli ci è voluto così tanto tempo per fare il grande passo
-

La presenza di uno condiziona quella degli altri due… Se Rafael Nadal entra in un campo da tennis, ci saranno sempre o quasi sempre, sugli spalti, due donne sedute una accanto all’altra a sostenerlo: una bruna, l’altra bionda. Il primo, Maria Francesca Perelloè colei che è diventata sua moglie il 19 ottobre 2019. La seconda, Maria Isabel Nadal, è la sorella minore del campione, 3 anni più giovane di lui. Due amici di lunga data, all’origine di una meravigliosa storia d’amore…

Manacor, la seconda città dell’isola di Maiorca nelle Isole Baleari, deve la sua reputazione a due specificità: è lì che, dalla fine del XIX secolo, vengono prodotte le perle artificiali, che imitano perfettamente le perle coltivate. Ed è qui che il 3 giugno 1986 nasce Rafael Nadal, la perla rara del tennis spagnolo… Tuttavia, due anni dopo la sua nascita, nella stessa città aprì gli occhi una persona molto meno conosciuta: Maria Francisca Perello, soprannominata Mery o Xisca, da chi le era vicino.

La sorella di Rafael Nadal fa la sensale

María Isabel, la sorella di Rafael, soprannominata affettuosamente Maribel e che gli è molto vicina al punto da piangere nei momenti troppo emotivi della carriera di suo fratello, ha studiato al collegio Pureza de María di Manacor. Locale cattolico molto conosciuto in città. Nelle aule di questa istituzione, Maribel incontra Mery Perelló. Hanno 7 o 8 anni e diventano amiche, le due ragazzine condividono le attività sportive dopo la scuola e partecipano insieme alle uscite con altri amici. Fu in questo periodo che Rafael, tramite Maribel, conobbe Xisca...

Per ora, e come tutti i giovani della sua età, ha altre cose in mente oltre alle ragazze. È già un piccolo genio dello sport, che eccelle sui campi da tennis, ma anche su quelli da calcio. Dovrà scegliere. All’età di 14 anni, la federazione spagnola di tennis gli chiese di trasferirsi a Barcellona per completare la sua formazione tennistica. Quelli intorno a lui rifiutano. Resterà a Manacor per essere meglio circondato. Tra i Nadal la famiglia è sacra!

È quindi sulla sua isola natale che Rafa si avvicinerà all’amica d’infanzia di sua sorella. La loro storia d’amore è iniziata solo nel 2005. Il giocatore aveva 19 anni e quell’anno si presentò per la prima volta al Roland Garros. Xisca ha 17 anni e sta ancora studiando. Nel 2006 è entrata a far parte dell’Università delle Isole Baleari un corso economico di amministrazione e gestione aziendale. Se n’è andata nel 2010. Nel frattempo ha continuato la sua storia con Rafael, ma da lontano. “Viaggiare in tutto il mondo, anche se potessi, non farebbe bene al nostro rapporto, spiega Telegrafo nel 2011. Non mi piace l’idea di passare le mie giornate ad aspettarlo. Mi sentirei asfissiato. E lui si preoccuperebbe per me… Se lo seguissi ovunque, correremmo il rischio di non sostenerci più.

La moglie di Rafael Nadal non vuole essere famosa

Se Xisca era già una ragazza devota e umile durante gli anni trascorsi al collegio delle suore di La Pureza de María, i successi di suo marito, che non dimentica mai di essere generoso, non le fanno girare la testa. Riservata all’estremo, è gentile, sorridente e sempre in disparte. I suoi outfit rispecchiano la sua immagine, con una sobrietà e semplicità che risaltano in questo mondo del tennis dove gli spalti a volte sono il luogo in cui ci piace metterci in mostra. Non lei. È una donna discreta, come questa storia d’amore che continua nell’ombra. “Anche se la mia famiglia mi chiede di Rafael, preferisco non dire molto, spiegò la giovane donna Rafail libro di memorie di Nadal scritto nel 2011. È solo che non mi sento a mio agio a parlare di queste cose, anche in privato. È ciò che funziona per me e ciò che funziona per me e Rafael come coppia.

Né parlarne. Né mostrarsi. Aspetteranno fino al 2011, sei anni dopo essere diventati coppia, prima di ufficializzare la loro relazione. Fecero poi la loro prima apparizione insieme nel novembre dello stesso anno al gala delle ATP World Tour Finals, una serata intitolata “Unon uscire con le stelle“. Non proprio un nome appropriato…”Celebrità, spiega nel libro del suo allora compagno, non è un mondo di cui voglio far parte, né penso che Rafa avrebbe scelto di stare con una donna che cercava questo nella vita.

Tanti motivi per cui il campione e la sua dolce metà non si tuffano nel matrimonio. L’11 giugno 2012 le telecamere di tutto il mondo immortalarono un abbraccio tra Nadal e la sua dolce metà.. Era a Parigi che aveva appena vinto per la settima volta il torneo Roland Garros. Se da questo momento in poi la giovane lo seguì sempre più, rimase comunque impegnata nelle sue attività. Dal 2012, entra a far parte della fondazione Rafa Nadal che mira a contribuire all’educazione dei bambini e a promuovere lo sviluppo attraverso lo sport. Prima dipendente, oggi ne è il direttore generale.

Il 23 ottobre 2015, Rafael Nadal ha mostrato per la prima volta la sua compagna sul suo Instagram. Sono in vacanza in Svizzera. La leggenda è di rara sobrietà, priva di ogni sentimento: “passeggiare per Basilea“. Ma i sentimenti ci sono. Sempre, e presto, per sempre, come decidono nel maggio 2018. Sono poi in vacanza a Roma. Un soggiorno che non viene pubblicizzato e durante il quale si fidanzeranno in gran segreto. Rafa ha solo rivelato la notizia 8 mesi dopo in un programma televisivo spiega che questa decisione era ovvia: “Quando stiamo insieme da 15 anni, non abbiamo bisogno di parlare molto, confida. E basta, beh, dobbiamo farlo, finalmente.

Sposarsi, sembra dire il giocatore. È che i due amanti iniziano ad avere in mente progetti per un figlio.. Era difficile immaginare una nascita fuori dal matrimonio visto l’ambiente tradizionale e cattolico in cui erano cresciuti.

-

NEXT Sandrine Kiberlain traumatizzata da un attacco subito a 17 anni