una petizione chiede il ritiro dell’attore da un festival famoso

-

Ogni anno, ad Avignone, gli amanti del teatro si incontrano nel mese di luglio. Ma prima di questo evento anche gli appassionati di cinema hanno diritto al loro momento. La città dei Papi, infatti, è anche sede di il festival Fenêtre sur court, dedicato ai cortometraggi. Dal 6 al 9 giugno Stéphane Gaillard avrebbe dovuto far parte della giuria. Ma qualche settimana fa, questo direttore del casting, noto per il suo impegno nel movimento dei ragazzi MeToo, ha gettato la spugna. In questione ? La presenza di Riccardo Berry.

Il celebre attore è infatti il ​​padrino del festival Fenêtre sur court. Ma anche questa figura del cinema francese è coinvolta in una vicenda oscura. Sua figlia, Coline Berry-Rojtman, accusa il padre di aver abusato di lui da bambino. In compagnia della sua compagna di allora, Jeane Manson. Quest’ultimo, così come Richard Berry, negano formalmente le accuse. Sono riusciti addirittura a farla condannare per diffamazione. Ma la presunta vittima ha molti sostenitori. Tra le stelle e nel mondo associativo. Nell’era MeToo, la marea sta cambiando!

Richard Berry: chi vuole togliergli il ruolo di sponsor del festival Fenêtre sur court?

Oggi, con i social network, si esprime la voce del maggior numero di persone. In peggio, ma anche in meglio. Pertanto, di fronte all’ingiustizia, tutti gli utenti di Internet possono agire, al proprio livello. In questo caso, l’associazione Mouv’Enfants ha preso il toro per le corna. Lanciando una petizione online. Nel momento in cui scriviamo ha già raccolto più di 350 firme. L’obiettivo? Convincere Richard Berry ad andarsene. E impedirgli di intervenire come sponsor del festival del cortometraggio, che si svolgerà dal 6 al 9 giugno ad Avignone.

“Come può il Festival Internazionale del Cortometraggio di Avignone Fenêtre Sur Courts nominare Richard Berry come sponsor per questa edizione 2024 quando quest’anno è segnato dal movimento #MeToo #MeTooCinema? », si legge nella descrizione della petizione.

C’è da dire che oltre alle accuse di incesto nei suoi confronti, l’attore ha visto riaffiorare una vecchia relazione. In effetti, la madre di Coline Berry-Rojtman altri non è che Catherine Hiegel. L’attrice, 77 anni, ha recentemente rivelato le violenze subite da Richard Berry. Anche quando era incinta della figlia, negli anni ’70. Il tutto posando davanti all’obiettivo di Marc Melki. per il momento, il team del festival Fenêtre sur court non ha ancora reagito… Continua!

-

NEXT Sandrine Kiberlain traumatizzata da un attacco subito a 17 anni