Il rapper americano Nicki Minaj arrestato con l’accusa di possesso di cannabis all’aeroporto di Amsterdam

Il rapper americano Nicki Minaj arrestato con l’accusa di possesso di cannabis all’aeroporto di Amsterdam
Il rapper americano Nicki Minaj arrestato con l’accusa di possesso di cannabis all’aeroporto di Amsterdam
-
>>>>
James Devaney/GC Immagini Nicki Minaj qui nel 2022 è stata arrestata all’aeroporto di Amsterdam.

James Devaney/GC Immagini

Nicki Minaj qui nel 2022 è stata arrestata all’aeroporto di Amsterdam.

INTERNAZIONALE – Colto in flagrante? Il rapper americano Nicki Minaj è stato arrestato all’aeroporto di Amsterdam con l’accusa di possesso di cannabis, hanno riferito i media olandesi sabato 25 maggio. La polizia ha confermato all’AFP di aver arrestato una donna americana di 41 anni, senza confermare che si trattasse di Nicki Minaj.

La cantante, che stasera avrebbe dovuto tenere un concerto in Gran Bretagna, ha pubblicato sui social le immagini di se stessa durante il suo interrogatorio.

La polizia ha confermato all’AFP di aver arrestato una donna americana di 41 anni, senza confermare che si trattasse di Nicki Minaj. “Non confermiamo mai l’identità di una persona detenuta”ha spiegato Robert Kapel, portavoce della polizia militare. “L’interrogatorio è ancora in corso”ha aggiunto Robert Kapel.

La storia del suo arresto su X

La rapper ha scritto su Instagram che le autorità olandesi hanno trovato cannabis all’aeroporto di Amsterdam Schiphol nel bagaglio che credeva appartenesse a una guardia del corpo.

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

“Tenete presente che mi hanno preso le valigie senza il mio consenso”ha criticato in una serie di tweet, assicurandosi che la sua guardia del corpo avesse riconosciuto che quegli spinelli di cannabis gli appartenevano.

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

Contrariamente all’idea diffusa all’estero, la vendita e il consumo di hashish, cannabis e loro derivati, che da decenni attirano fumatori da tutto il mondo, non è legale nei Paesi Bassi.

Dagli anni ’70 esistono le cosiddette droghe leggere “tollerato”E “le autorità scelgono di non perseguire i delinquenti”, secondo il sito web del governo. Fino ad ora nei Paesi Bassi era del tutto illegale coltivare cannabis e rifornire i famosi punti vendita. Il trasporto di droga in un altro paese rimane illegale.

Vedi anche su L’HuffPost:

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

NEXT Sandrine Kiberlain traumatizzata da un attacco subito a 17 anni