Karla Sofia Gascon, premio per l’interpretazione femminile davanti alle altre attrici di Emilia Perez

Karla Sofia Gascon, premio per l’interpretazione femminile davanti alle altre attrici di Emilia Perez
Karla Sofia Gascon, premio per l’interpretazione femminile davanti alle altre attrici di Emilia Perez
-

L’attrice transgender, 52 anni, è salita sul palco da sola. Molto commossa, non ha avuto una parola per Zoe Saldana, Adriana Paz e Selena Gomez che hanno ricevuto, insolitamente, il premio allo stesso modo di lei.

Questo è a dir poco insolito. Potrebbe anche essere la prima volta che il premio per la migliore attrice viene assegnato a quattro attrici nello stesso film.

Mentre l’attrice transgender Karla Sofía Gascón, 52 anni, era molto attesa per ottenere questo riconoscimento, i membri della giuria hanno deciso di assegnare un premio d’insieme alle quattro attrici del nuovo film di Jacques Audiard Emilia Perez. Includendo Selena Gomez, Adriana Paz e Zoe Saldana, la giuria ha senza dubbio voluto attenuare l’impatto attivista di un trofeo assegnato solo a un’attrice transgender.

Leggi ancheCannes 2024: con Emilia Pérez, Audiard si diletta in un nuovo genere

Non importa, Karla Sofía Gascón è salita sul palco da sola per ritirare il suo trofeo. A 52 anni, la donna che ha iniziato la sua transizione di genere a 46 anni nel 2018, è la rivelazione di questo film in cui interpreta il ruolo principale: una trafficante di droga che si sente profondamente femminile e cambia genere per cambiare la sua vita.

Profondamente commossa, Karla Sofía Gascón gli ha dedicato il suo premio “tutte le persone trans che soffrono continuamente“. Prima di aggiungere, tra le lacrime: “Voglio che queste persone arrivino a credere, come in Emilia Perez, che è sempre possibile migliorare, che ognuno può diventare una persona migliore. Quindi, tutti voi che ci avete fatto soffrire, è giunto anche per voi il momento di cambiare”., ha detto sul palco. Karla Sofia Gascon, tuttavia, non ha avuto una parola per le altre attrici con cui condivide questa distinzione, Adriana Paz, Selena Gomez e Zoe Saldana.

Nata a Madrid il 31 marzo 1972, con il nome di nascita di Carlos Gascon, Karla Sofia Gascon sapeva fin da piccola che sarebbe diventata un’attrice. Dopo gli studi di cinema, inizia la carriera di attrice alla fine degli anni ’80 in spot pubblicitari e ruoli secondari in serie televisive.

Di anno in anno, questi ruoli vengono ampliati nelle popolari serie spagnole come Calle Nuevas, Il SuperO El Pasado es Manana. Il suo nome compare nei titoli di coda di un film messicano di successo nel 2013, Nosotros los nobles.

All’inizio degli anni 2000, l’attore che non aveva ancora compiuto la transizione partecipò a numerose telenovelas e divenne una scommessa sicura nei paesi sudamericani. Fu all’età di 46 anni, quando era sposato e padre di un bambino, che iniziò la sua transizione nel 2018. Karla Sofia Gascon “si è dichiarata trans” pubblicamente pubblicando un libro autobiografico intitolato Karsia, una storia straordinaria. L’attrice recita poi nella serie televisiva Ribelle (2022) che ha ricevuto tutti i voti.

Determinato a interpretare entrambi i ruoli

Mentre si prepara Emilia Perez, film che è allo stesso tempo commedia musicale, thriller e melodramma, ambientato sullo sfondo del narcotraffico messicano, Jacques Audiard scopre la forte personalità di Karla Sofia Gascon durante un casting in videoconferenza. Si incontrano per la prima volta in un ristorante parigino. L’attrice convince il regista a farlo Deephan che sarebbe perfetta nel ruolo diEmilia Perez. Ma il regista resta convinto di dover assumere un attore per interpretare l’eroina del film prima della sua transizione.

Karla Sofia Gascon è determinata a interpretare entrambi i ruoli. Continuerà a chiamare Jacques Audiard per convincerlo finché non vincerà la causa.

Il film acquista grazia e potenza grazie a questo Giano incarnato da una sola persona. “È un magnifico regalo che mi ha fatto Jacques Audiard, ha dichiarato l’attrice durante la conferenza stampa del festival di Cannes la settimana scorsa. Poche attrici o attori hanno una simile opportunità nella loro carriera. Non potevo perdere questa occasione. Mi sono immerso in questo ruolo. Sono andato oltre i miei limiti. Ho quasi dovuto ricorrere a un esorcista per uscire dal ruolo alla fine delle riprese. I miei cari lo possono confermare.”

Questo è senza dubbio il motivo per cui Karla Sofia Gascon, durante la cerimonia di chiusura del festival, ha avuto parole molto forti per Jacques Audiard: “Grazie per la tua creativitàha proclamato. Sei il miglior regista del mondo.»

-

PREV Adriana Karembeu ospite al “Beau Vélo de RAVeL” il 6 luglio
NEXT “È rimasta in topless…”: Michel Cymes ripercorre il momento più imbarazzante della sua carriera