Tra Thierry Frémaux e Iris Knobloch, “ognuno ha la propria corsia di nuoto” alla guida del Festival di Cannes

-
>>

Thierry Frémaux e Iris Knobloch, a Cannes, il 13 maggio 2024. LOIC VENANCE/AFP

“Quest’anno il nostro tandem festeggerà il suo anniversario di nozze di cotone. » Così Iris Knobloch, 61 anni, presidente del Festival di Cannes dal 1ehm Luglio 2022 ed ex capo della Warner Bros in Francia, ha parlato a metà aprile del suo duo formato con Thierry Frémaux, delegato generale e sommo sacerdote della selezione cinematografica per ventitré anni. Specificando: “È un materiale morbido e resistente. » Nei loro trentuno abiti, intronizzati ogni sera sul tappeto rosso del più grande festival del mondo, entrambi, per il secondo anno, hanno generosamente offerto baci e abbracci ai loro ospiti durante questo 77e la modifica.

Leggi il sondaggio (2022) Articolo riservato ai nostri abbonati Cannes 2022: come Iris Knobloch è diventata la prima presidente del Festival

Aggiungi alle tue selezioni

“Con Thierry funziona molto bene perché siamo complementari. È un puzzle costruito abilmente”testimonia in Partita di Parigi dal 9 maggio. Ciò non era affatto scontato: per lungo tempo Gilles Jacob ha incarnato una presidenza degna di un “Imperator”. E se il Festival e Thierry Frémaux, 63 anni, sembrano essere una cosa sola da anni è perché, dal 2014 al 2022, Pierre Lescure – che non ha risposto alle nostre richieste – aveva adottato una strategia opposta in quanto Presidente. “Thierry ha fatto tutto e Pierre ha fatto il resto”sintetizza un amministratore del Festival che, come quasi tutti i suoi colleghi, vincolato dal dovere di riservatezza, è rimasto anonimo.

Senza contropotere, il delegato generale sembrava quindi, fino al 2022, incarnare da solo l’istituzione. L’arrivo di Iris Knobloch, la prima presidente donna del Festival, ha cambiato radicalmente la situazione. Per sostituire Pierre Lescure, l’ipotesi di Audrey Azoulay, direttrice generale dell’UNESCO, auspicata da Thierry Frémaux, era stata scartata dall’Eliseo. Sebbene soprannominata dal Ministero della Cultura, Iris Knobloch era “confusa” al suo arrivo. È l’unica a cui è stato chiesto di impegnarsi per evitare qualsiasi conflitto di interessi nel cinema. Nessuno era rimasto turbato dal fatto che Pierre Lescure – dipendente della società di produzione Troisième Œil – era ancora in onda su France 5 in “C à vous” nel 2022, anno della firma tra il Festival e France Télévisions. E che dire dei sedici amministratori che rappresentano il cinema (produttori, distributori, ecc.) nel consiglio del Festival e che sperano di vedere i loro film raggiungere il Santo Graal della selezione?

Dal “business” al “glamour”

La nomina di questa imprenditrice, di formazione avvocato, riequilibra lo stato delle forze e dei poteri. I consigli di amministrazione sono più strutturati, con un ordine del giorno e dibattiti meglio strutturati. “Grazie a lei abbiamo dibattiti più trasparenti e più diretti”, testimonia un amministratore. Un altro riconosce di averlo fatto “trovato un buon equilibrio”anche se sembrano, secondo il parere di diversi interlocutori, “parlatevi troppo poco” ancora.

Ti resta il 57,69% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV “Non molto giustificabile”, cosa che lei tollera molto male nella sua vita privilegiata
NEXT Jaques Weber parla del suo “atteggiamento discutibile” con certe donne: “Sono stato un flirt scortese”