La scrittrice del Quebec Caroline Dawson è morta di cancro

-

Stai navigando nel sito web di Radio-Canada

Vai al contenuto principaleVai al piè di paginaAiuto alla navigazione Inizio del contenuto principale

CommentiAccedi alla sezione commenti

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Caroline Dawson. (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada / Martin Ouellet

Radio-Canada

Pubblicato alle 16:06 UTCAggiornato alle 16:19 UTC

La scrittrice e sociologa del Quebec Caroline Dawson è morta lunedì a causa di un cancro alle ossa di cui soffriva da diversi anni.

La notizia, annunciata inizialmente sui social network, è stata confermata da fonti di Radio-Canada.

Dopo una piacevole giornata durante la quale i membri della sua famiglia e alcuni amici hanno potuto salutarsi e riunirsi, Caroline è partita tranquillamente ieri sera per stare con il suo amante.evoca il messaggio di addio postato sulla sua pagina Facebook.

Se ne va per piangere i suoi devoti genitori Natalia e Alfredo, i suoi adorati fratelli Nicholas e Jim, il suo bellissimo amante Jacob, i suoi magnifici e brillanti figli Paul e Bérénice, così come tanti amici in tutto il mondo, per non parlare di tutte le persone che ammirano lui e leggere i suoi libri.

Nata a Valparaiso, in Cile, nel 1979, Caroline Dawson è arrivata in Quebec con i suoi genitori e due fratelli nel 1986. La famiglia Dawson stava fuggendo dal regime di Pinochet.

Titolare di un master in sociologia presso l’Università di Montreal, si è fatta conoscere nel 2020 grazie al suo primo romanzo intitolato Dove mi nascondo coronato da numerosi premi, tra cui il Premio Letterario per gli studenti universitari.

Seguirà una raccolta di poesie Che cosa sietepubblicato nel 2023 seguito da un libro per bambini Andare da lontano (nel 2024) che, come i suoi due lavori precedenti, tratta di immigrazione e sradicamento.

Maggiori dettagli in arrivo

Commenti Commenti
>>>>>>>>

Radio-Canada e la mia newsletter

La newsletter che fa per te, ricca di scoperte e argomenti scelti in base alle tue aree di interesse.

-

PREV il fenomeno del turismo musicale attira migliaia di appassionati, una manna per la città di Lione
NEXT FOTO Aurélie Casse in una relazione con un’affascinante giornalista: finalmente scopriamo il suo volto sugli spalti del Roland-Garros