Isabelle Huppert: sua figlia, Lolita Chammah, fa terribili confessioni sulla morte di suo figlio subito dopo la sua nascita

Isabelle Huppert: sua figlia, Lolita Chammah, fa terribili confessioni sulla morte di suo figlio subito dopo la sua nascita
Isabelle Huppert: sua figlia, Lolita Chammah, fa terribili confessioni sulla morte di suo figlio subito dopo la sua nascita
-

Un vero dramma… Nel novembre del 2022, incinta di cinque mesi, Lolita Chammah ha dato alla luce il suo secondo figlio. Sebbene abbia partorito molto prematuramente, è stato dopo dodici giorni in terapia intensiva suo figlio, Kolia, morì. Un anno e mezzo dopo la perdita del bambino, la figlia di Isabelle Huppert ha accettato di raccontare la sua storia nel libro Ho visto la notte cadere, edito da Stock.

Mercoledì 8 maggio 2024, nelle colonne di Gala, Lolita Chammah assicurava che il suo primo figlio, Gabriel, allora 10 anni, l’aveva aiutata a resistere. “Per la sua personalità, per chi è e perché quando hai un figlio devi resistere”ha stimato, prima di specificare: Questa tragedia è stata una prova collettiva. Ho visto mio padre crollare e le forze di mia madre crollare.”.

Lolita Chammah: “La perdita di un bambino crea un muro tra te e il mondo”

Durante questa intervista, la giovane ha indicato che sua madre, Isabelle Huppert, le avrebbe detto: “Ci arriverai amore mio. Avrai il tuo terzo figlio. In piena trasparenza, Lolita Chammah ha ritenuto che avere un entourage solido fosse importante. “Ma siamo soli di fronte a una simile prova. La perdita di un bambino crea un muro tra noi e il mondo”stimò.

Durante questa intervista, Lolita Chammah ha indicato: Per una coppia è difficile, ma siamo fortunati a resistere. Anche se non affrontiamo le cose allo stesso modo, lo facciamo mano nella mano.”prima di aggiungere: “Mi ha dato una forma di spiritualità. Guardo la vita con più distanza. Certe cose che prima temevo non mi spaventano più. Ho un rapporto diverso con la natura e la calma”.

Lolita Chammah ha sofferto molto

Concludere, la giovane madre aggiunto: “Sto cercando di lavorare su questo per fare spazio a un nuovo essere. La mia lotta non finirà qui. Non tornerò sul palco finché non avrò stretto tra le braccia il mio nuovo bambino.”. Per Libération si stima: “Credo che ciò che più mi ha fatto soffrire nei mesi che ho vissuto, o ciò che ancora mi fa soffrire, è il silenzio (…) Scrivo affinché non restiamo più in silenzio, affinché ‘abbiamo diritto al dolore e tempo’.

Venerdì 3 maggio 2024, sul set di C à vous, su France 5, Lolita Chammah aveva già dichiarato ad Anne-Élisabeth Lemoine e ai suoi editorialisti: “Ne avevo la sensazione l’azienda non voleva assistere a questo tipo di evento, la perdita di un figlio. È così sorprendente e difficile che sembrava che qualcosa fosse troppo insopportabile.”.

-

PREV Leonardo DiCaprio “non sa disegnare affatto”: James Cameron rivela la verità sul famoso disegno del Titanic
NEXT la nuotatrice avvertita dal suo ex della canzone? “Si parla ancora di noi…”