Drake contro Kendrick Lamar, Kanye West, A$AP Rocky… Vi raccontiamo lo scontro tra le star del rap mondiale

Drake contro Kendrick Lamar, Kanye West, A$AP Rocky… Vi raccontiamo lo scontro tra le star del rap mondiale
Drake contro Kendrick Lamar, Kanye West, A$AP Rocky… Vi raccontiamo lo scontro tra le star del rap mondiale
-

L’industria del rap è divisa da canzoni virulente e risposte feroci. Da una parte il rapper canadese. Dall’altro diversi big americani. Un conflitto aperto dove si mescolano guerre di ego, vecchie inimicizie e vecchie storie del cuore.

Il mondo del rap è in subbuglio. Nelle ultime settimane, le più grandi star globali del settore si sono dichiarate guerra, con Drake e Kendrick Lamar in testa. Il cantante canadese e il suo omologo californiano sono i principali protagonisti di uno scontro, in cui sono coinvolti altri artisti di fama, come i rapper Future, J. Cole, Kanye West, Rick Ross e A$AP Rocky. Le “Diss track”, queste canzoni virulente, esercizio consueto del rap, si stanno moltiplicando. L’ultimo, Euforiafirmato Kendrick Lamar e pubblicato martedì 31 aprile, è solo la risposta a quello di Drake, Sollevamento, pubblicato a metà aprile. Franceinfo riassume questa lite che tiene con il fiato sospeso i tifosi e che suscita ego, gloria, vecchie rivalità, grandi soldi e storie di cuore.

Kendrick Lamar dà fuoco alle cose

Tutto inizia ovviamente con una canzone. Il 22 marzo, il produttore Metro Boomin, originario di Saint Louis (Missouri), e Future, il rapper di Atlanta (Georgia), svelano il loro album congiunto Non ci fidiamo di te. C’è il titolo Come quello con Kendrick Lamar, in cui canta il rapper “Fanculo i Tre Grandi, N …, è solo Big Me” (“Fanculo sua madre, i primi tre, N…, sono solo io”).

Kendrick Lamar risponde quindi al titolo Sparatutto in prima personache ha riunito Drake e il rapper J. Cole, è apparso nell’album del primo, Per tutti i cani, in ottobre. J. Cole si riferisce ai “Big Three”, i Top 3 dei rapper attuali, ovvero lui, Drake e… Kendrick Lamar. Questo trio è diventato noto all’inizio degli anni 2010 e i suoi membri hanno collaborato a diversi titoli.

Già nel 2013 Kendrick Lamar ha sfidato i suoi rivali nel titolo Controllo. Più di dieci anni dopo, il rap e i suoi attori sono ancora agitati attorno all’unica domanda che conta in questo ambiente musicale: chi è il numero uno? Questa rima di Kendrick Lamar in Come quello assume particolare importanza, perché compare nel progetto di Future e Metro Boomin, due artisti abituati a collaborare con Drake. Ma questi due avevano iniziato a prendere le distanze dalla stella di Toronto. Senza che noi sapessimo davvero il perché.https://twitter.com/DaCultureVault/status/1731352518209495543?ref_src=twsrc%5Etfw

J. Cole risponde prima di voltarsi

Le ripercussioni non tarderanno a farsi sentire. J. Cole attira per primo pubblicando, a sorpresa, il suo album Potrebbe essere eliminato in seguito, 5 aprile. Risponde, senza nominarlo, a Kendrick Lamar con il titolo Esercizio da 7 minuti che chiude l’opera. “Fa ancora concerti, ma è regredito Simpson. Til nostro primo progetto era un classico, il tuo ultimo è stato tragico. Il tuo secondo progetto ha fatto addormentare tutti, lo abbiamo sopravvalutato. Il tuo terzo progetto è stato enorme ed è stato il tuo ‘bonus'”declama riferendosi agli album di Kendrick Lamar.

J. Cole, tuttavia, ha la reputazione di essere un rapper piuttosto rispettoso e premuroso, lontano dalle scappatelle a cui potremmo associare alcuni dei suoi concorrenti. Se avesse davvero attaccato Kanye West, senza sempre nominarlo, sì nel 2016, uno dei suoi rari titoli virulenti, Jermaine Cole, il suo vero nome, è ben lungi dall’essere un frequentatore abituale degli scontri. Una reputazione che confermerà due giorni dopo.

Sul palco del Dreamville Fest di Raleigh (North Carolina) il 6 e 7 aprile, J. Cole si è scusato dopo il suo diss track contro Kendrick Lamar. “Ne sono molto orgoglioso Potrebbe essere eliminato in seguito, ad eccezione di una parte. Questa canzone mi fa sentire come se fosse il progetto più schifoso che abbia mai realizzato in vita mia.”dichiara. “Mi sono allontanato dal percorso che ho percorso negli ultimi dieci anni”aggiunge prima di chiedere al pubblico se pensa che Kendrick Lamar “è uno dei migliori rapper della storia?” “Lo ami, vero?” Ha aggiunto. Il pubblico approva. “Anche io”lui rispose.

“Ho sbagliato. Prego che non l’abbia presa nel modo sbagliato. Mi scuso con tutti voi.”

J. Cole, rapper

sul palco del Dreamville Fest

Il titolo scompare dalle piattaforme, ma J. Cole non ha finito di sorprendere. Venerdì 12 aprile esce Non ci fidiamo ancora di te, il seguito del progetto Future e Metro Boomin che ha dato fuoco alle cose. E chi troviamo su Pelle Rossa, l’ultimo titolo? J. Cole! Una presenza davvero sorprendente, anche se nei suoi versi non attacca direttamente Drake.

Vengono coinvolti The Weeknd, A$AP Rocky e Kanye West

Questo secondo progetto, Non ci fidiamo ancora di te, è il più virulento contro Drake. Diversi ospiti illustri lo prendono di mira: A$AP Rocky, peso massimo del rap americano, originario di New York; The Weeknd, l’altra popstar canadese di fama mondiale, ma anche Kanye West. Il primo, legato a Rihanna, paga Drake, anche lui sensibile in passato al fascino dell’interprete diOmbrello. “Questi negri giurano di aver preso le ragazze più cattive, io ho appena preso le più cattive. Questi negri hanno sentimenti per le donne, cosa, sei ferito o qualcosa del genere?” continua a rappare Alzata di mano.

Anche The Weeknd ha collaborato con Drake all’inizio degli anni 2010, ma ha finito per scegliere l’altro campo, quello di Future e Metro Boomin, e attacca Drake, in particolare per la sua propensione ad apparire sui social network: “Non potranno mai dare la caccia ai miei fratelli, tesoro. Ringrazio Dio che non abbiano mai rinunciato alla mia vita. I loro assassini stanno creando TikTok”continua a cantare Tutto per me.

Kanye West, dal canto suo, ha già litigato con Drake prima di riconciliarsi nel 2021. Ospite al remix di Come quellotitolo su cui Kendrick Lamar ha scatenato le ostilità, Kanye West attacca il canadese e J. Cole. “Sei così lontano dagli occhi e fuori dal cuore. Non riesco nemmeno a pensare a una battuta di Drake. Suona J. Cole, solo per annoiarti.”, esclama. Intervistato durante il podcast The Download, Kanye West ha dichiarato di essere stato contattato da Future: “Sono andato in studio, ho messo giù questo e poi abbiamo seguito il processo creativo… Sapete, tutti erano molto, molto entusiasti dell’eliminazione di Drake. Non entusiasti, eravamo pieni di energia.”

Drake alla fine reagì

Dopo settimane passate a subire attacchi e ad accontentarsi di messaggi sui social network per dirlo“tiene la testa alta” o divertirsi con l’attrice Uma Thurman che gli ha chiesto se avesse bisogno del suo costume Uccidi Bill per difendersi, Drake risponde in musica con il titolo Sollevamento, 13 aprile. Gli piace ciò che definisce “un 20 a 1” e ognuno ha ciò che si merita. Futuro? “Non potrò mai essere il fan numero uno di nessunoEgli ha detto. Il tuo primo numero uno, te lo ho dato su un vassoio”in riferimento al titolo Modo 2Sexypubblicato nel 2021 su un album di Drake, che è valso a Future la sua prima apparizione in cima alle classifiche di Billboard.

Il produttore Metro Boomin? “Ho più amore di te nella tua città. Metro, chiudi quella cazzo di bocca e costruisci qualche batteria.” Risponde anche a Rick Ross, un altro peso massimo del rap americano, che lo ha attaccato, con il titolo Momenti di champagne. “Questo negro sta compiendo 50 anni, ogni canzone che è stata nelle classifiche era con Drizzy [un des surnoms que Drake se donne]assicura.

Ma l’obiettivo numero 1 di Drake rimane Kendrick Lamar. “Come puoi considerarti un omone quando hai una taglia 40?” prende in giro, il numero di scarpe di Kendrick Lamar serve da illustrazione per il titolo. Attacca il rapper californiano anche per le sue collaborazioni con i Maroon 5 e Taylor Swift. “Non sei nella Top 3. SZA ti ha cancellato, Travis ti ha cancellato, Savage ti ha cancellato come tutte le persone della tua etichetta…” aggiunge, citando altri tre grandi nomi del rap.

Un’altra risposta seguirà qualche giorno dopo con il titolo Stile libero realizzato su misura, realizzato con l’intelligenza artificiale per far risaltare le voci di Tupac e Snoop Dogg. Perché loro? Si tratta di due leggende della west coast, da dove arriva Kendrick Lamar, per mettere pressione su di lui, che ancora non ha dato segno di vita dall’inizio della vicenda.

Kendrick Lamar rompe il silenzio

Kendrick Lamar rompe il silenzio martedì con il titolo Euforia, riferimento alla serie con Zendaya, di cui Drake è uno dei produttori. Per più di sei minuti, il rapper californiano attacca Drake, evocando fin dai primi secondi a “attore famoso che una volta conoscevamo”in riferimento al ruolo interpretato dal suo rivale nella serie per adolescenti Degrassi: la prossima generazione.

Si presenta come il “Il più grande odiatore” (“il più grande odiatore”) del canadese. “Odio il modo in cui cammini, il modo in cui parli, odio il modo in cui ti vestiAggiunge. Mi piace Drake con le melodie, non mi piace Drake quando suona duro.” Su Instagram, il nativo di Toronto ha semplicemente reagito pubblicando un estratto del film Dieci buoni motivi per scaricarti con emoji occhiolino e cuore spezzato. In questa scena del film, l’eroina, interpretata da Julia Stiles, recita una poesia di amore-odio al ragazzo di cui è innamorata. Questa poesia inizia con “Odio il modo in cui mi parli e il modo in cui ti tagli i capelli.” Una prima risposta in attesa di una possibile nuova scossa.

-

PREV ecco il piccolo villaggio in cui vive in pace il cantante di successo
NEXT Morte di Géraldine Carré a 54 anni: chi sono i quattro figli della giornalista?