Fiera fotografica internazionale a Bièvres: Pentti Sammallahti

Fiera fotografica internazionale a Bièvres: Pentti Sammallahti
Fiera fotografica internazionale a Bièvres: Pentti Sammallahti
-

La 60a edizione della Fiera Internazionale della Fotografia di Bièvres presenta una grande mostra del fotografo finlandese Pentti Sammallahti.

La Fiera Internazionale della Fotografia è stata creata nel 1964 da Jean e André Fage. All’epoca non era raro incontrare nei suoi vicoli fotografi rinomati come Marcel Ichac, Marcel Bovis, Paul Almasy, Jean Sibet e Man Ray. Sempre organizzato dal Photoclub Paris-Val-de-Bièvre con il patrocinio del Comune di Bièvres, è diventato, nel tempo, l’imperdibile punto d’incontro di collezionisti e amatori, riconosciuto per l’usato e l’antiquariato fotografico, il suo nuovo mercato e servizi, il suo mercato degli artisti e le sue mostre di fotografi. Accoglie quasi 250 espositori.

Dopo Patrick Bard, Jane Evelyn Atwood, Isabel Muñoz, John e Claude Batho, Olivier Culmann, Denis Bourges, Claudine Doury, Patrick Tourneboeuf, Xavier Lambours, il fotografo invitato dal Comune di Bièvres è l’artista finlandese Pentti Sammallahti, rappresentato dalla Camera Galleria oscura.

Si tratta di una delle più grandi mostre dell’artista proposte in Francia, dopo il Mois de la photo, i Rencontres d’Arles e la Maison Doisneau a Gentilly.

65 stampe di diverse serie saranno esposte alla Grange aux Fraises e alla Casa dei fotografi e delle immagini.

Nel suo lavoro, Pentti Sammallahti unisce poesia, umanità e umorismo. Da sempre è attento alla fotografia come oggetto concreto e il lavoro di stampa è veramente parte integrante dell’opera. Le sue stampe sono uniche grazie alla sapiente interpretazione della luce, alla scelta dei toni (colorazione sottile per reazione chimica) e alla carta. È questa catena perfettamente mantenuta, dallo sguardo, alla ripresa, poi alla traduzione su carta, che contribuisce all’eccezionale successo del suo lavoro.

Pentti Sammallahti è nato nel 1950 a Helsinki da una famiglia di artigiani (il padre era orafo). È il nipote della fotografa Hildur Larsson, di origine svedese.
Fin dall’adolescenza inizia a praticare con passione la fotografia e la stampa. Si è unito all’Helsinki Camera Club all’età di 14 anni.
Ha studiato storia dell’arte, musicologia e matematica all’università, ma non ha conseguito la laurea.
La sua prima mostra personale ha avuto luogo nel 1971 e il riconoscimento per il suo lavoro è arrivato molto presto poiché ha ricevuto il premio nazionale finlandese di fotografia all’età di 25 anni (premio che ha vinto nuovamente nel 1979, 1992 e 2009).
Nel 1991 la concessione di una borsa di studio artistica statale per un periodo di 15 anni gli ha permesso di lasciare l’insegnamento e dedicarsi al lavoro.
La galleria Camera Obscura espone regolarmente Pentti Sammallahti dal 2002.

C’era una volta la Fiera di Bièvres

La prima Fiera fotografica è nata, sotto la guida di Jean Fage, presidente fondatore del Photo-Ciné-Club du Val-de-Bièvre (creato nel 1949), domenica 7 giugno 1964 all’aperto, sui tavoli di il mercato di Bièvres. Ha accolto una quarantina di artisti (tra cui Man Ray, Lucien Lorelle, René Jacques, Pierre Ichac, Paul Almasy, Marcel Bovis, Etienne Bertrand Weil, René Maltête, ecc.), 20 editori, riviste, industriali, club e società di fotografia, anche i elezione di “Miss Photogénie”.

L’osservazione di Jean Fage era che negli anni ’50 e ’60 il mercato dell’arte fotografica era poco sviluppato. La Fiera permetteva a fotografi amatoriali e professionisti di presentarsi al pubblico e vendere le proprie opere.

La Fiera divenne annuale. Tra gli espositori, Izis, Emmanuel Sougez, Jeanine Niépce, Gisèle Freund. Il 7 giugno 1970 si aggiunse il primo “Mercato nazionale delle antichità e delle attrezzature fotografiche usate”, in collaborazione con la rivista Fotargo. Questo mercato si evolverà in “internazionale”. Nel 1979, la prima “Fête des Photographes” allestisce degli studi per le riprese di modelli, attività continuata per molti anni. Negli anni ’80 e ’90 furono istituiti premi di fotografia letteraria e aste. Ogni anno viene organizzato un concorso tra gli espositori del mercato degli artisti, giudicato da una giuria composta da personalità del mondo della fotografia, che ci permette di distribuire numerosi premi, riccamente donati dai nostri partner e istituzioni.

Nel 2008 sono stati realizzati in Fiera i primi “Bièvres Photographic Meetings”, con relatori su vari argomenti e sessioni di autografi. I servizi (viaggi, stampa, editoria) sono stati aggiunti nel 2010 e si sono uniti al nuovo mercato dei servizi creato nel 2018.

Mostre prestigiose, organizzate dal Photoclub Paris Val-de-Bièvre, dal Comune di Bièvres o dal Museo Francese della Fotografia, eventi, atelier temporanei, concorsi e altre attività hanno gradualmente completato i mercati della Fiera.

E l’avventura continua, per il grande piacere di espositori, visitatori, relatori, partner e membri del Photoclub. Il Photoclub Paris Val-de-Bièvre continua ad organizzare ogni anno, in collaborazione con il Comune di Bièvres, la Fiera Internazionale della Fotografia di Bièvres, che è diventata uno degli eventi più importanti in Europa dedicati a tutti gli aspetti della fotografia.

INFORMAZIONI UTILI

Sabato 1 giugno: 13:00-19:00 – Domenica 2 giugno: 8:00-18:00

Mercatino degli artisti: sabato dalle 13:00 alle 19:00 e domenica: dalle 9:00 alle 18:00.

Mercatino delle novità e dei servizi: sabato dalle 13:00 alle 18:00 e domenica dalle 9:00 alle 18:00.

Ingresso gratuito – Place de la Mairie de Bièvres (Essonne – Francia)

Accesso: a 20 km dal centro di Parigi, a 17 km da Porte d’Orléans, tramite la A6/A10 o la D-906

RER C: stazione di Bièvres

Sito web: www.foirephoto-bievre.com
Facebook: www.facebook.com/Foire.Photo.Bievres/

-

NEXT La coppia di artisti di Sète AmonAlis ha realizzato un affresco in nome del gemellaggio con El Jadida