riproduce la stanza da un dipinto di Van Gogh e la affitta

riproduce la stanza da un dipinto di Van Gogh e la affitta
riproduce la stanza da un dipinto di Van Gogh e la affitta
-

La sala sembra identica a quella della “Camera di Arles” dipinta dall’artista nel 1888, e attira visitatori da tutto il mondo.

Un tuffo nel mondo di Vincent Van Gogh. Mentre la Francia celebra 150 anni di impressionismo nel 2024, alcuni continuano a mantenere viva l’eredità degli artisti di questo periodo. È il caso di Eric Grandin, che ha trasformato parte della sua guest house ad Arles (Bouches-du-Rhône) nel 2013 imitando un’opera del pittore olandese. Da più di 10 anni turisti e artisti sono entusiasti di pernottare lì.

Sebbene il pittore non abbia effettivamente dormito in questo edificio del centro storico di Arles, tutto è pensato per riprodurre la stanza dipinta dall’artista. “È dello stesso periodo di costruzione della stanza di Van Gogh, spiega il proprietario. Le dimensioni sono le stesse e tutto è originale“. Il padrone di casa ha dovuto cercare ogni mobile in modo identico e ha chiamato un artista per imitare il dipinto originale appeso in un angolo della stanza e dipingere il soffitto ispirandosi a La notte stellata.

Per una tariffa di 55 euro a notte, tra le più economiche della città durante la stagione turistica, il comfort resta rustico. La camera non dispone di WC, doppi vetri o terrazza privata, a differenza del resto dell’alloggio. “È la stanza più scomoda della casaride Eric Grandin. C’è gente che prenota la stanza Van Gogh per un mese, lo fanno tutti gli anni, ma io non ci dormo una notte.

>>

Il dipinto originale è stato riprodotto in un angolo

© Screenshot del sito Airbnb https://www.airbnb.fr/rooms/55948?Source_impression_id=p3_1716890078_atZe7HnfB5tfuONq

Per accentuare la somiglianza con il 19° secolo, Eric Grandin chiede conferma tramite lettera manoscritta oltre ad una prenotazione su Internet, anche se non rifiuta i vacanzieri che non hanno rispettato la regola. Una formalità che non scoraggia i visitatori, appassionati del celebre pittore. “C’è una vera venerazione per Van Gogh tra alcuni visitatori di Arles. Qui la gente viene dopo aver letto la lettera a Théo. Un giorno una turista mi raccontò di aver visto un fiore giallo sulla spiaggia e che doveva essere stato il pittore a mandarglielo.”

Sulla piattaforma di prenotazione i commenti sono tutti gratuiti e provengono da viaggiatori di tutto il mondo. “Che posto meraviglioso. Ti senti parte del dipinto”scrive Maike, un visitatore tedesco. “La camera da letto di Van Gogh è assolutamente incredibile, mi sembrava davvero di dormire nel dipintoaggiunge Barbara, dalla Polonia.

E l’arredamento attira anche gli artisti che vengono a dipingere lì, o i registi. “Un giorno, un esploratore di location cinematografiche arrivò per girare con William Dafoe sulla vita di Van Gogh, ricorda Eric Grandin. Ci sono anche giapponesi che vengono a girare le scene nella stanza”. Esistono altre iniziative dello stesso tipo, come un hotel olandese che ha ricreato la stanza del pittore, a Boxmeer, o la stanza effimera ricreata dall’Art Institute of Chicago per quattro mesi nel 2016.

-

NEXT La coppia di artisti di Sète AmonAlis ha realizzato un affresco in nome del gemellaggio con El Jadida