Bénédicte Giniaux celebra il 30° anniversario della sua galleria a Bergerac

Bénédicte Giniaux celebra il 30° anniversario della sua galleria a Bergerac
Bénédicte Giniaux celebra il 30° anniversario della sua galleria a Bergerac
-
Da trent’anni Bénédicte Giniaux visita laboratori, organizza eventi e progetta mostre.

Il gallerista, che ha iniziato nell’Oise nel 1994 prima di arrivare a Bergerac (Dordogna) quindici anni fa, ha deciso di celebrare questo anniversario.

Ha in programma dieci giorni di esposizione, da giovedì 16 maggio a domenica 26 maggio, nella sua galleria con le opere dei 24 artisti permanenti che vi accoglie. “Dovevamo celebrare l’occasione”, sorride il residente adottato di Bergerac. Anche gli artisti, la maggior parte dei quali segue da trent’anni, hanno giocato la partita, alcuni inviando opere speciali per l’occasione.

Ogni giorno, dalle 11 alle 19, potrete ammirare, ad esempio, una quindicina di nuovi dipinti del fotografo Alfons Alt, ma anche pezzi appena usciti dall’atelier dello scultore Jean-Pierre Dall’Anese. “La mostra sarà in costante movimento con nuove opere da vedere ogni giorno”, spiega Bénédicte Giniaux.

Serata “Sgabello”.

Ogni sera, a partire dalle 20:00, potrete godervi una “serata sgabello” con diversi artisti. Venerdì 17, Maud Bouchat, l’attrice del Théâtre du Roi de cœur, leggerà il libro scritto senza verbo “Io, d’un incidente o d’amore”, di Loïc Demey.

Durante i dieci giorni potremo incontrare artisti come il viaggiatore Emmanuel Michel, lo scultore Valem o il pittore Didier Caudron. Letture, concerti, racconti o proiezioni, i dieci giorni sono ricchi di eventi eclettici. Per avere la possibilità di partecipare è indispensabile portare il proprio sgabello e arrivare alle ore 19:50.

Per dare il via ai festeggiamenti, appuntamento giovedì 16, dalle 18 alle 21, per l’inaugurazione della mostra. Verrà eseguito in musica alla presenza dell’armonicista Michel Herblin, considerato uno dei papi della specialità in Francia. Sarà accompagnato dal pianista Guillaume Wilmot. Allo stesso tempo, potrete degustare i vini dello Château Pique-Sègue.

L’intero programma è disponibile sul sito della galleria, galeriebenedicteginiaux.fr.

-

PREV L’Italia segna un punto contro un museo americano
NEXT Janet Borden, Inc.: Martin Parr: Parr finto moda