“Ho ballato sotto lo sguardo delle Cariatidi”, una visita insolita al Louvre durante i Giochi

“Ho ballato sotto lo sguardo delle Cariatidi”, una visita insolita al Louvre durante i Giochi
“Ho ballato sotto lo sguardo delle Cariatidi”, una visita insolita al Louvre durante i Giochi
-

Parigi, sabato 27 aprile 2024, 7:30: il cortile del Louvre è deserto. Solo una coppia ha approfittato dell’ora mattutina e dell’assenza di pubblico davanti alla famosa piramide di vetro di Ming Pei, che troneggia lì da trentacinque anni, per scattare le foto del matrimonio. Individo subito alcune figure in pantaloni da jogging e scarpe da ginnastica che, come me, stanno scivolando verso l’ingresso del museo più grande del mondo.

Ben prima dell’apertura al pubblico, mostriamo agli agenti di sicurezza già sul posto il nostro biglietto per “Run to the Louvre”. Un’idea del ballerino e coreografo Mehdi Kerkouche, (noto tanto per le sue commedie musicali quanto per i suoi programmi televisivi), che ha immaginato, in occasione delle Olimpiadi di Parigi, questa insolita sessione sportiva nel palazzo vuoto dei suoi 30.000 visitatori giornalieri.

“Un momento speciale”

8 del mattino. Sotto la piramide di vetro, nella sala principale dei ricevimenti dove siedono riproduzioni giganti della Gioconda o della Vergine di Van Eyck, mentre una spazzatrice industriale finisce di pulire il pavimento, aspettiamo il segnale di partenza. Dopo averci divisi in due gruppi di trenta persone, i due capitani responsabile di guidarci presenterà il menu per questa particolare visita: disco dance, cardio, dancehall e infine yoga. Il tutto in diverse stanze leggendarie del museo. “Durante un’ora, promettono, vivrai un momento speciale…”

Leggi anche: Olimpiadi 2024. Airbnb permetterà a due persone di partecipare alla cerimonia di apertura al Museo d’Orsay

E…

-

PREV Massimo Gurciullo
NEXT Jean-Marie Boizeau, nuovo direttore delle Belle Arti di Sète: “aprire la scuola a quante più persone possibile”