il Museo d’Orsay presenterà un reclamo

il Museo d’Orsay presenterà un reclamo
il Museo d’Orsay presenterà un reclamo
-

Il Museo d’Orsay lo ha annunciato venerdì 10 maggio 2024Agenzia media francese Venerdì dopo aver presentato un reclamo dopo il cartellino del dipinto di Gustave Courbet intitolato L’origine del mondo lunedì al Centre Pompidou-Metz.

Protetta da vetro, l’opera dovrà essere restaurata

Lunedì due donne hanno taggato “MeToo”. L’origine del mondoche era protetto da un vetro ma che dovrà essere restaurato. Questa azione, guidata in particolare dalla performance artist franco-lussemburghese Deborah de Robertis, è stata chiamata “Non separiamo la donna dall’artista. »

“Tanti schizzi di vernice”

“L’opera, imbrattata di vernice rossa, è stata smontata per essere esaminata da un restauratore qualificato. Il telaio ha ricevuto numerosi schizzi di vernice che potrebbero lasciare segni duraturi anche dopo il restauro”ha precisato il museo d’Orsay in un comunicato stampa, precisando di averlo fatto “presentato denuncia”.

“I test effettuati per pulire il vetro protettivo hanno dimostrato che sarà necessario l’uso di solventi, alterandone le proprietà e portando alla sua sostituzione”ha chiarito.

L’AFP riporta che altre quattro opere sono state taggate con “MeToo”, una delle quali “avrebbe potuto essere danneggiato nella sua integrità perché non tutti erano protetti”, secondo il pubblico ministero di Metz. Un ricamo rosso su tessuto di Annette Messager, chiamato Penso di sì, faccio schifo (1991), è stato anch’esso rubato.

L’esecutore incriminato

“Ovviamente ho utilizzato un materiale non aggressivo che scompare con l’acqua”ha reagito venerdì Déborah de Robertis alAFP. “Questo modo di demonizzare, criminalizzare e drammatizzare la performance è un classico del genere. Perché l’urgenza per il museo, in questo preciso momento, è rendere invisibili le accuse mosse al curatore”.

L’Agenzia media francese ricorda inoltre che l’esecutore è stato incriminato con un’altra donna ed entrambi sono stati posti sotto controllo giudiziario. Una terza persona, che potrebbe essere responsabile del furto della frontiera, non è stata arrestata.

-

PREV Il Grande Rifugio | La casa del Quebec rivisitata
NEXT Rabat Higher School of Architecture: un workshop per esplorare nuovi approcci innovativi