“Non dobbiamo reagire in modo eccessivo al rischio politico”

“Non dobbiamo reagire in modo eccessivo al rischio politico”
“Non dobbiamo reagire in modo eccessivo al rischio politico”
-

LLunedì 1 i mercati finanziari hanno reagito beneÈ Luglio, il giorno dopo i risultati del primo turno delle elezioni legislative francesi. I mercati azionari europei hanno infatti registrato un rimbalzo e un rialzo dell’euro, il che sembra escludere l’ipotesi che il Raggruppamento Nazionale (RN) possa ottenere la maggioranza assoluta nell’Assemblea Nazionale alla fine del secondo turno, domenica 7 luglio.

Olivier Raingeard, direttore degli investimenti della banca Neuflize OBC, conferma che l’impatto dello scioglimento e dei risultati del primo turno delle elezioni legislative “è stato limitato sui mercati europei e inesistente sul mercato americano e sui mercati emergenti” e prevede , Per Puntoi tre scenari possibili per gli asset francesi, al termine del secondo turno, domenica 7 luglio.

Punto : Che impatto hanno sui mercati lo scioglimento e i risultati delle elezioni legislative?

Olivier Raingeard: Abbiamo osservato un aumento del rischio sugli asset francesi che ha provocato un aumento del divario tra i tassi decennali francesi e tedeschi e un calo della Borsa di Parigi. Tuttavia, non vi è stato alcun aumento assoluto del costo del finanziamento del debito francese, e il calo del mercato azionario ha colpito principalmente i settori finanziario, dei servizi comunitari e dei media. Infine, l’impatto è stato limitato sui mercati europei e inesistente sul mercato americano e sui mercati emergenti.

Più in generale, questi eventi alimentano un regime di incertezza politica che tende ad essere più elevato. Negli ultimi anni gli investitori hanno dovuto affrontare numerosi shock, come la Brexit, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e il conflitto russo-ucraino.

Da ciò possiamo trarre due lezioni. Da un lato, gli investitori non anticipano questo tipo di rischio, reagiscono a posteriori; Questo è stato il caso, ad esempio, della Brexit. D’altro canto, gli shock politici, se non producono una recessione, vengono rapidamente cancellati. Tra il 2016 e il 2023, le azioni americane sono cresciute in media del 13% all’anno e quelle francesi di oltre il 9%. Non dobbiamo quindi reagire in modo eccessivo al rischio politico.

Tuttavia, come vedi l’evoluzione dei tassi e delle azioni?

Per gli asset francesi sono possibili tre scenari. Il primo è quello in cui è necessaria una nuova maggioranza, che spingerebbe gli investitori a mettere in discussione la traiettoria di bilancio della Francia, il che potrebbe generare maggiore volatilità sulle azioni e sulle obbligazioni francesi nel breve termine.

Il secondo scenario corrisponde all’avvento di un’Assemblea nazionale divisa, che riduce l’incertezza, ma non del tutto, con gli investitori che hanno in mente le elezioni presidenziali del 2027. Il terzo scenario è quello in cui prevale l’attuale maggioranza, anche se ricomposta, che consente un significativo calo del premio di rischio che colpisce gli asset francesi. Per i titoli azionari americani ed emergenti, le prospettive economiche (crescita e inflazione) e monetarie saranno decisive.

Nel frattempo, cosa stai facendo?

Riteniamo che lo scenario di atterraggio morbido per l’economia globale sia il più probabile, alimentato da un continuo rallentamento dell’inflazione che dovrebbe consentire alla Fed e alla BCE di abbassare significativamente i loro tassi, rispettivamente al 3% e all’1,5% entro la fine del 2025 .

In questo contesto manteniamo una moderata sovraponderazione di azioni e obbligazioni a scapito dei mercati monetari. All’interno della classe azionaria, privilegiamo le azioni americane, sostenute dalla dinamica crescita degli utili societari, rispetto alle azioni europee.

A livello settoriale, stiamo riducendo la tecnologia, che trova, con un rapporto prezzo/utili di 30, valutazioni strette come alla fine del 2021, a favore di altri settori, come l’industria o la finanza. Infine, restiamo convinti della necessità di adottare allocazioni diversificate a 360 gradi, integrando asset class come il private equity, in questo contesto in rapida evoluzione.

-

PREV “Abbiamo difficoltà a farcela”, il loro ristorante deve chiudere a causa dei vicini, i fondatori esprimono la loro tristezza
NEXT Di fronte all’incertezza, il mercato azionario sa anche adattarsi allo “scenario meno peggiore” – 05/07/2024 alle 14:17